n. 4   ottobre - dicembre 2005
.


La Congregazione Generale fissa l’orientamento per il Capitolo Generale
Ha discusso il futuro dell’Ordine

Guardando alle statistiche che sembrano indicare che l’Ordine stia sviluppandosi più velocemente nell’emisfero del sud, la Congregazione Generale 2005 ha discusso su come l’Ordine potrebbe prepararsi a questi cambiamenti.

Il Consiglio Generale, rivedendo le statistiche nel corso delle proprie riunioni, ha posto la questione del futuro servizio dei Carmelitani alla Chiesa ed al mondo in questa era di cambiamento. "Il tema dell’Congregazione Generale non è focalizzato sui nostri problemi attuali o dettato da timori. È recepito per aiutare a guardare verso il futuro con fiducia ed ad essere fedeli alla missione che abbiamo ricevuto dal Dio", ha detto Joseph Chalmers, Priore Generale.

Le statistiche generali per il numero di membri nell’Ordine sono rimaste relativamente statiche dal 1996. Tuttavia, durante quegli anni ci siamo ritirati da due paesi in Europa ed abbiamo aperto otto fondazioni in paesi nuovi all’Ordine. Il numero di frati nel cosiddetto "nord" (Europa, U.S.A., Canada e Australia) è calato mentre è aumentato nel "sud".

Un progetto vocazionale che ha avuto straordinario successo è quello istituito dalla Provincia di Pernambuco nel 1982. Il Vescovo Paulo Cardoso, che era Priore Provinciale della Provincia quando il progetto è stato iniziato e Francisco de Sales, attuale Priore Provinciale, sono stati invitati a fare una presentazione sul programma (si veda il relativo articolo)

Due iniziative hanno contribuito al cambiamento della situazione finanziaria dell’Ordine. Il reddito della Domus Carmelitana, la casa-hotel in una parte della costruzione del CISA a Roma, ha continuato ad aumentare i suoi profitti. La Società del Piccolo Fiore in Gran Bretagna ed in Irlanda ha finanziato col suo fondo i progetti di sostegno in Africa, in Asia ed in America Latina nel mese di aprile del 2002 con 960,000 sterline. Inoltre ha provveduto anche all’incremento del fondo monetario di 1 milione di sterline. "Chiaramente, una questione importante per il futuro continuerà ad essere il finanziamento. Attualmente, il lavoro di formazione del "sud" è sostenuto fortemente o in gran parte pagato dalle province del "nord", ha detto il Priore Generale. Ha continuato precisando che con un invecchiamento e una diminuzione di popolazione al "nord" questa fonte di finanziamento non può durare indefinitamente.

Presentati Progetti Culturali Carmelitani

Patrick McMahon, preside dell’ Institutum Carmelitanum di Roma, è stato presente per una parte della riunione. Ha consigliato alle Province, ai Commissariati ed alle delegazioni di essere seriamente responsabili della cultura dell’Ordine. Durante le pause, una presentazione sviluppata dall’ Institutum Carmelitanum ha focalizzato l’attenzione di ognuno sulla ricca eredità che il Carmelo ha e la necessità per la generazione attuale di contribuire a favore di questa e delle generazioni future.

Mark Attard, Delegato Generale per la cultura, ha parlato circa l’iniziale progetto di raccogliere le informazioni sui titoli accademici avanzati posseduti dai membri dell’Ordine. Inoltre ha considerato i progressi fatti dall’Associazione dei Bibliotecari Carmelitani durante le recenti riunioni ed i loro programmi per il futuro.

Il ritiro di Gustavo Gutíerrez fornisce l’idea di ciò che la Chiesa potrebbe ricercare

Il celebre teologo peruviano Gustavo Gutíerrez ha tenuto il ritiro ai membri della Congregazione insistendo che i nostri occhi siano costantemente fissi sull’obiettivo di Cristo e non su quello dei mezzi. Usando gli esempi dalla scrittura, Gutíerrez ha fatto un collegamento con esempi del passato che devono essere attualizzati oggi. Ha consigliato ai membri di guardarsi dal rendere qualche cosa assoluto. "La teologia di liberazione è relativa. L’Ordine del Carmelo è relativo – ha detto Gutíerrez – uno dei leader del movimento di Teologia della Liberazione. "Ciò che è importante è Cristo."

Gutíerrez ha suggerito che l’Ordine potrebbe desiderare seguire l’esempio di Geremia profeta dell’Antico Testamento che segue la volontà di Dio per l’acquisto di una parte di terra ad Anatot. Ciò che ha detto potrebbe essere la nostra dichiarazione dove ci troviamo.

Occorre che la Relazione della Commissione di Governo continui il lavoro

Il Capitolo Generale 2001 ha incaricato una commissione per studiare "la struttura dell’amministrazione centrale" ed ha legiferato che "questa Commissione presenterà le relative proposte concrete alla successiva Assemblea Generale nel 2005." La relazione, come pure un rapporto scritto dal Consiglio Generale, ha provocato una certa discussione ed ha mostrato che vi è poco consenso su alcuni dei punti chiave, quale la composizione del Consiglio Generale ed il ruolo del Vice Generale. Risulta evidente che più lavoro deve essere fatto per portare proposte concrete al Capitolo Generale 2007. Con 32 voti favorevoli e 4 astensioni, i membri hanno approvato la creazione una nuova Commissione di Governo che dovrebbe servirsi di una ditta di consulenza esterna specializzata nelle organizzazioni religiose. (si veda l’articolo relativo, questa pagina)

Le riunioni delle Regioni forniscono l’occasione rara discutere le questioni comuni

Approfittando della presenza dei rappresentanti di ogni Provincia e Commissariato, i membri del Consiglio Generale hanno tenuto una serie di "riunioni regionali." Queste riunioni offrono un’occasione spesso rara di raduno dei membri di una regione. La riunione della Regione dell’Europa Nordica e Centrale con la Regione Mediterranea, entrambe già radunate annualmente, era un aggiornamento della loro riunione di Fatima due anni fa. In questa sessione si sono accordate per incontrarsi nel mese di settembre del 2006 per un periodo più lungo sul tema di "Come l’Amministrazione Cambia in Europa" all’interno del contesto europeo.

Il Capitolo Generale offre l’occasione di riunire la Famiglia Carmelitana

Il Consiglio Generale ha proposto che la celebrazione del 800° anniversario della Regola fosse presa come occasione per riunire i rappresentanti dell’intera Famiglia Carmelitana – monache di clausura, Superiori Generali di comunità affiliate e Laici Carmelitani. L’Ordine potrebbe approfittare della loro presenza per discutere con loro alcune delle implicazioni della nostra spiritualità per l’intera famiglia di Carmelitana così come altre questioni comuni. Questa celebrazione si prevede intorno al 17 settembre, festa di S. Alberto di Gerusalemme. È stato proposto che il Congresso dei Laici Carmelitani, che avverrà nel 2006, suggerisca qualche sistema di rappresentanza dei molti gruppi di Laici Carmelitani nel mondo. In generale circa 50-55 persone sarebbero invitate. La proposta è passata con 34 voti a favore e 2 astensioni. La tradizionale chiamata del Prepositum Generale dei Carmelitani Scalzi al Capitolo Generale, insieme ad alcuni suoi Consiglieri, coinciderà con la celebrazione della Regola.

Ai membri è stato chiesto "Vogliamo assumere il rischio?"

Nella suo discorso di chiusura alla Congregazione, il Priore Generale ha ricordato il tema della riunione. "Il Consiglio Generale ha preparato a lungo questa riunione" ed ha ricordato ai partecipanti che lo scopo era guardare avanti.

"Ho sperato che ascoltassimo lo Spirito Santo e che in ogni caso lo Spirito Santo potesse guidarci."

Cogliendo l’immagine del profeta Geremia che compra una parte di terra, usata da Gustavo Gutíerrez durante il ritiro, Fr. Joseph ha chiesto, " Vogliamo assumere il rischio?"

Ha ricordato l’osservazione del Gutíerrez che dalla prova viene la speranza e la presentazione del progetto vocazionale della Provincia di Pernambuco. Ha ricordato al gruppo che proprio quando la Provincia era in procinto di chiudere ha cominciato a fiorire nuovamente, e ora si sta iniziando a vedere come Dio vede ed ad amare come Dio ama. "Desideriamo vivere questo con grande entusiasmo."

Ha chiesto la benedizione di Dio su tutto l’Ordine e a Maria di continuare ad essere con noi nel nostro lavoro e nella nostra vita. "Possano accompagnarci nel viaggio."

Nel corso di piccole riunioni dei gruppi dei partecipanti, i membri del Consiglio Generale hanno avuto l’opportunità di incontrarsi.

Il Consiglio ha colto l’opportunità per occuparsi dell’ordine del giorno previsto dalla riunione di maggio.

La riunione si è tenuta al Centro Santa Fe, centro di ritiri e centro educativo situato in periferia di São Paolo.

Il sito Web per l’Assemblea Generale 2005 è disponibile su: carmelitani.info


Partecipanti della posa dei 2005 General Congregation per l’immagine tradizionale nel chapel del Fe di Centro Santa, São Paulo.

I glimpses 2005 della Congregazione Generale a São Paolo, Brasile includono due membri del gruppo di ballo di São Martinho,

Gustavo Gutíerrez con Artimio Jusayan, Commissario Generale dei Fillippini e Carlos Mesters, Consigliere Generale per America Latina.

Alcuni membri della famiglia carmelitana riuniti per la celebrazione della chiusura del 100° anniversario di rifondazione della provincia di Rio de Janeiro grazie alla Provincia olandese. (foto di CITOC)

P. Nuno (Flum) e P. Antonio Monteiro (Lust) alla celebrazione della chiusura del 100° anniversario


 

TORNARA AL INDICE DEL CITOC  |  TORNARA AL INDICE DEL QUESTO NUMERO DI CITOC


INDICE DEI SITI WEB DEI CARMELITANI
carmelites.info  |  carmelitas.info  |  carmelitani.info