n. 4   ottobre - dicembre 2003
.


Mostra de'arte 2003 nel Convento Carmelitano di Marienthal (GerI)

I numerosi visitatori, arrivati da vicino e da lontano, non si sono pentiti, di essere stati presenti, nel piccolo villaggio di Marienthal sul fiume Issel, alla solenne apertura della mostra d’arte annuale nel Convento carmelitano.

Dopo la cerimonia di apertura che ha offerto all’ascolto brani di musica d’organo e canto e una splendida introduzione al tema dell’esposizione da parte di Sr Margret Schrader, FC (casa del seminario Aspel), sono state presentate al pubblico le varie opere.

Dietro suggerimento dei frati carmelitani, i dodici artisti del Nord-Rhine/Westphalia hanno scelto come tema della mostra una citazione di sant’Agostino: "Se mi sbaglio, esisto" dalla sua opera più famosa: "La Città di Dio". A partire dallo scorso anno in cui si è svolta la prima mostra, gli artisti hanno contribuito a richiamare l’impegno di Fr. Augustinus Winkelmann, che era stato a Marienthal dal 1924 al 1954.

La mostra ha incluso diversi mezzi di comunicazione come sculture in roccia, pitture, intagli nel legno, specchi, ceramiche come anche fotografie e opere auree. I pezzi appartengono tutti allo stile contemporaneo.

I vari pezzi, creati per questa mostra, permettono ai visitatori di perdersi nei loro pensieri. L’osservatore si troverà a vedere diverse interpretazioni prima di giungere alla comprensione dell’opera.

L’arte e la Chiesa hanno lavorato insieme per secoli al fine di aiutare le persone ad avvicinarsi a Dio. La rappresentazione estetica in arte – con tutte le varie possibilità – fa parte dell’identità della Chiesa.

L’esposizione di quest’anno ne è stato esempio meraviglioso e di successo. Ha portato a compimento così l’intenzione dei vescovi tedeschi di "aprire le Chiese locali per renderle più vitali e accessibili" attraverso una via davvero significativa.

La mostra è rimasta aperta fino al 20 luglio 2003. Erano presenti alcuni artisti. Non era richiesta quota per l’ingresso alla mostra.

Rolf Willemsen, GerS

 

 


Collaborazione dell'Archivio Generale ad una Mostra in Roma

A Roma, presso la Fondazione Marco Besso in Largo Argentina, è stata esposta, nei giorni dal 23 settembre al 31 ottobre 2003, una mostra su "Rione Borgo 1935- 1950", intesa a ripercorrere le vie distrutte nei valori di ristrutturazione del Rione Borgo e per l’apertura di Via della Conciliazione. Incentrata giustamente sugli acquarelli di Giuseppe Fammilume, la mostra ha condotto in un viaggio a ritroso nel tempo ricco di suggestioni e di scoperte. In tale contesto non poteva mancare l’illustrazione di S. Maria in Traspontina e del suo ex-convento prima delle demolizioni: allo scopo è stata efficace la documentazione fotografica offerta dell’Archivio Generale dei Carmelitani. Inoltre l’archivista p. Emanuele Boaga ha potuto offrire agli organizzatori della mostra un’ampia documentazione sulle attività svolte e sui titolari di molti negozi, e ciò ha aiutato a precisare e in alcuni casi a scoprire le attività commerciali praticate nelle vie del Rione Borgo. Altro particolare interessante, emerso in questa mostra, è stata l’esistenza sulla facciata dell’ex-convento carmelitano prospiciente Borgo Nuovo di una fontana pubblica, detta del "Ricotto".


Il Coro "B. Vergine Maria del Monte Carmelo incoronata" posto tra i più bei gruppi corali della Spagna

Il coro "B. Vergine Maria del Monte Carmelo incoronata" è stato fondato nel 1993 con ubicazione nella Basilica dei Carmelitani a Jerez de la Frontera (Cádiz), Spagna. Maestro di coro è Fr. Antonio Pérez González, O.Carm.

La maggior parte delle esibizioni avvengono nella Basilica carmelitana e donano un particolare decoro alle celebrazioni liturgiche. Si ricevono richieste anche da altre Chiese di Jerez, da altre città nei dintorni e da altre province.

Il repertorio corale non si limita a musica religiosa, ma include opere del folklore spagnolo e latico-americano. Compongono il coro circa ottanta membri che coprono tutti i registri vocali.

Tra le molte funzioni, quelle più memorabili sono: i Concerti di S. Cecilia, in primavera, a Natale e nella novena della Madonna del Carmine nel mese di luglio. Il coro è stato riconosciuto nell’ultima pubblicazione: "I Cori di Spagna 2003"



 

TORNARA AL INDICE DEL CITOC   |   TORNARA AL INDICE DEL QUESTO NUMERO DI CITOC


INDICE DEI SITI WEB DEI CARMELITANI
carmelites.info  |  carmelitas.info  |  carmelitani.info