n. 3   luglio - settembre 2005
.


La Congregazione Generale pone le basi per il Capitolo Generale del 2007

La Congregazione Generale del 2005, "Servendo la Chiesa e il mondo in un’era di cambiamento", si terrà a San Paolo, Brasile, dal 5 al 15 settembre 2005. L’incontro si focalizzerà su ciò che l’Ordine dovrà fare per pianificare il futuro.

I partecipanti hanno già ricevuto il materiale che servirà per la discussione e l’incontro. Come precedentemente annunciato, il noto teologo latino-americano Gustavo A. Gutierrez condurrà una giornata di ritiro come parte del meeting. Inoltre, parlerà sui bisogni della Chiesa nel mondo di oggi.

La Congregazione Generale ha deciso di incontrarsi in Brasile a motivo della celebrazione del 100° Anniversario della Provincia di Rio de Janeiro e la presenza dei Carmelitani nell’America Latina. Il 10 settembre i membri del Consiglio parteciperanno con i vescovi Carmelitani del Brasile e con altri membri della Famiglia Carmelitana ad una celebrazione presieduta dal Priore Generale a San Paolo.

La Congregazione Generale è previsto dalle Costituzioni del 1995. Si tiene due anni prima di un Capitolo Generale e indica alcuni degli argomenti principali da trattarsi nel Capitolo. Le Costituzioni stabiliscono anche chi partecipa all’incontro.

È disponibile un sito Web per seguire lo sviluppo dei lavori

È attualmente disponibile un sito Web contenente informazioni circa il prossimo Consiglio Generale che si terrà a San Paolo. Se da una parte il sito contiene informazioni pratiche per coloro che parteciperanno al meeting, dall’altra intende anche coinvolgere i membri della Famiglia Carmelitana nella discussione.

Tutti i membri della Famiglia Carmelitana sono invitati a seguire l’incontro attraverso il sito Web del Consiglio Generale accessibile da carmelitani.info. Una sintesi degli eventi giornalieri sarà pubblicata in tre lingue sul sito internet.

La homepage del sito Web della Congregazione Generale del 2005, accessibile da carmelitani.info, dà l’accesso ad una varietà di informazioni circa il meeting, inclusi alcuni documenti che saranno discussi e la sintesi degli eventi giornalieri.


La Provincia Olandese apre una missione in Lituania

I membri del Capitolo olandese nel mese di maggio 2005 si sono espressi con votazione per assumersi la responsabilità di una missione in Lituania.

In una lettera a coloro che precedentemente erano stati impegnati nella missione, il Priore Provinciale della Provincia Olandese, Ben Wolbers, ha scritto che la decisione del Capitolo si è basata sulle relazioni della discussione del Consiglio Provinciale della Provincia Olandese e sull’incontro dei Provinciali della Regione del Nord-Europa.

Il Vescovo Eugenijus Bartulis, della diocesi di Siauliai, nel 1998 scrisse al Priore Generale per chiedere ai Carmelitani di considerare la possibilità di ricostituire l’Ordine in Lituania. I primi Carmelitani, membri della Provincia di Polonia-Boemia, arrivarono a Vilnius nel 1514. Altre case furono aperte più tardi dalla Provincia Russa. Le Province Lituane Separate furono costituite nel 1756 e nel 1766 con circa 30 case in tutto. I religiosi cattolici furono espulsi nel 1830-1831 e a Vilnius l’ultima casa fu chiusa nel 1863.

Dal 2000 un piccolo gruppo di Carmelitani dalla Regione del Nord-Europa si è spostato ogni anno in Lituania per incontrare gruppi di giovani. Questi "campi estivi" sono stati tenuti solitamente intorno alla festa della B. Vergine Maria del Monte Carmelo del 16 luglio. In una lettera al Priore Generale nel 2002 il Vescovo ha ricordato la celebrazione annuale dei Carmelitani. "La gente... già non può immagine questa Celebrazione senza la presenza dei frati, senza la cerimonia dell’imposizione dello Scapolare della Vergine. I giovani di tutto il paese sono abituati ad invitare i frati a tenere un campo estivo sulla spiritualità carmelitana".

Le monache scalze sono state diversi anni in Lituania.


Nuovo Monastero Inaugurato a Biella, Italia

Sabato 4 giugno, 2005, le monache di Carpineto Romano hanno inaugurato un nuovo monastero a Biella, Italia.

Nell’anno 1985, il sacerdote carismatico italiano, Vincenzo Boschetti, ora deceduto, invitò le Carmelitane a considerare la possibilità di fare una fondazione a Biella. Lui fu il fondatore della "Casa del Giovane", una serie di case dove i giovani con vari problemi potevano vivere. Era sempre la sua speranza poter avere una comunità di monache di clausura accanto ad ogni casa per i giovani.

Il monastero di Biella è la terza fondazione di Carpineto Romano che ha appena terminato le celebrazioni del 25° anniversario della propria fondazione.

Le foto del nuovo monastero si possono vedere nel sito web di CITOC. L’indirizzo del sito Web del monastero è: monasterobiella.interfree.it/


Le monache Carmelitane entrano nel loro nuovo monastero a Biella, Italia, davanti ai sacerdoti diocesani il 4 giugno. Il nuovo monastero è la terza fondazione del monastero di Carpineto Romano che ha 25 anni (foto CITOC)

La cappella nel monastero di Biella (foto CITOC)


I Carmelitani Indonesiani continuano il Meeting ONG

Carmelitani da Timor Est, Sumatra, Flores, Cicanyere e altre aree dell’Indonesia si sono riuniti in Malang, Indonesia, per una conferenza di 3 giorni. Questo è stato il seguito del precedente incontro della ONG Carmelitana tenutosi a febbraio del 2005 a Lembah Karmel in Cicanyere. Nell’incontro si è parlato della loro partecipazione nel lavoro della ONG Carmelitana e le modalità con cui l’Organizzazione può servire il popolo dell’Indonesia. Il tema della conferenza è stato "La ONG Carmelitana: un modo profetico per l’evangelizzazione dei tempi moderni".

Alla conferenza di Malang erano presenti Antonio Silvio da Costa, Junior O. Carm., il Segretario della Commissione Internazionale Giustizia e Pace, Michael Agung Kristiputra, O. Carm., che ha presentato "Un’analisi sociologica per il Movimento Giustizia e Pace", e Eko Aldianto, O. Carm., che ha presentato "Il Movimento Giustizia e Pace nella Chiesa Indonesiana".

Il Team USC-Satu Nama, da Yogyakarta, Indonesia, usufruendo dell’esempio della propria ONG, fornirà un esempio di lavoro. I Carmelitani, come i membri delle altre Confessioni Cristiane, stanno lavorando con i loro vicini Musulmani nelle aree che sono state devastate nel Dicembre 2004 dallo tsunami.

Recentemente, alcuni volontari stanno lavorando in Nias per aiutare l’evacuazione e per organizzare gli ospedali. La priorità è stata data alla cura dei bambini. I Carmelitani continuano il loro lavoro di soccorso nell’area Medan, Indonesia, colpita dallo tsunami.


Nuova Casa Carmelitana inaugurata in Kenia

È stata inaugurata in Kenia la prima casa della missione Carmelitana il 29 giugno 2005. La casa è situata a Nkoroi nella Diocesi di Ngong. La costruzione è stata completata in quattro anni dall’inizio della missione nel 2001. La missione fa parte della Provincia di Germania Superiore e del Commissariato Indiano della Provincia che è responsabile della missione.

Il Bustani ya Karmeli (Giardino del Carmelo) è stato inaugurato con una cerimonia che ha visto la partecipazione del Vicario Generale della Diocesi di Ngong, del Priore Provinciale della Provincia di Germania Superiore, Christian Körner, di Guido Niessner, membro del Consiglio Provinciale, e di John Adapoor, Commissario Provinciale dell’India. Ha partecipato inoltre Anthony Scerri, Consigliere Generale per l’Africa. Erano presenti due altri membri del Commissariato Indiano, due Carmelitani keniani della provincia di Catalogna e due studenti del Commissariato Indiano. Simplisio Manyika rappresentava i Carmelitani dello Zimbawe.

Hanno partecipato circa quattrocento religiosi, parrocchiani e amici dei Carmelitani. In seguito si unirà alla Comunità uno studente keniano della Provincia Arago-Valentina.


Il cortile di Bustani Ya Karmeli (Giardino del Carmelo), nuovo monastero Carmelitano di Nkoroi, Kenia, è stato inaugurato con un primo grande gruppo di ospiti (foto cortesemente fornita dalla Provincia della Germania Superiore)


Dalla scrivania del Priore Generale

La sfida di rivedere la vita religiosa

La 65a assemblea biennale dell’Unione dei Superiori Generali (USG), un’Organizzazione Internazionale dei Superiori Maggiori degli Ordini Religiosi maschili, si è svolta alla fine di maggio 2005. Il punto focale dell’incontro è stato di far seguito al Congresso sulla vita consacrata che si è tenuto a Roma nel Novembre 2004.

Vi ho parlato del Congresso nella mia lettera circolare, "Passione per Cristo. Passione per l’Umanità".

Vorrei menzionare solo un punto riguardante il futuro della vita consacrata. Il primo relatore ci ha presentato due modelli: san Francesco d’Assisi e il profeta Elia. Egli ha messo in evidenza che noi spesso partiamo da una supposizione non provata che l’attuale struttura della vita religiosa è quella giusta, e che occorre solo aggiornarla. Come Elia, dobbiamo imparare a discernere la voce di Dio tra le cose che ci succedono. Ciò di cui la vita religiosa ha realmente bisogno oggi sono santi e profeti capaci di mostrare che Gesù Cristo è la risposta. Noi dobbiamo credere che il Vangelo è forte abbastanza da fornire una risposta ai bisogni dell’oggi. Qualche volta noi abbiamo il nostro progetto e guardiamo a Dio per farci dare i mezzi per portare avanti questo progetto invece di dare spazio al Signore di mostrarci qual è il progetto di Dio. Cerchiamo di essere immersi in Cristo e di essere ricolmi della passione di Dio per l’Umanità.


 

TORNARA AL INDICE DEL CITOC  |  TORNARA AL INDICE DEL QUESTO NUMERO DI CITOC


INDICE DEI SITI WEB DEI CARMELITANI
carmelites.info  |  carmelitas.info  |  carmelitani.info