n. 3   luglio - settembre 2004
.


Il Terzo Ordine Carmelitano nella Repubblica Ceca

Il crollo del regime comunista nella Repubblica Ceca alla fine del 1989 ha aperto la strada non solo a uno sviluppo incontrollato delle comunità religiose, ma anche a un rinnovamento o meglio a una riunificazione dei gruppi di Laici Carmelitani, il cosiddetto Terz’Ordine. Tra le persone più interessate a essere vicine all’Ordine molti volontari e benefattori che hanno aiutato i frati nella ricostruzione del loro monastero a Kostelní Vydrí, numerosi parrocchiani in luoghi assistiti dai Carmelitani e altri credenti.

Il primo gruppo di terziari è stato istituito nel 1991, la prima professione terziaria nel 1992. In quel periodo le persone interessate al Terz’Ordine avevano degli incontri formativi due volte l’anno e i frati tenevano loro un ritiro di tre giorni ogni anno. Dall’estate del 1996 per una maggiore comodità dei partecipanti. gli incontri formativi sono stati organizzati in più luoghi della Repubblica Ceca e più ravvicinati: ogni mese o ogni due mesi.

In questo modo i gruppi che vi partecipano possono diventare una vera comunità. Questi gruppi sono formati da persone giovani e anziane. Le linee guida basilari del terziario rispecchiano la Regola del Terz’Ordine. Il progetto è stato ideato dai Carmelitani cechi e sarà presentato al Consiglio Generale dell’Ordine per essere approvato.

Quest’anno sessantasei novizi hanno fatto la loro Professione durante l’incontro nazionale dei terziari a Kostelní Vydrí, nel giorno della Commemorazione del Cuore Immacolato di Maria. Circa duecentotrenta persone hanno partecipato al ritiro di quest’anno fatto per terziari e amici di Carmelo. Nell’insieme il Terz’Ordine Carmelitano nella Repubblica Ceca conta un duecento membri.


Trinidad
Progetto del Complesso residenziale per la Famiglia Samaroo

Nel 2002 la comunità di Laici Carmelitani del Capitolo del Piccolo Fiore - Sud, Trinidad, ha deciso di costruire una casa per una famiglia di sei persone. Vivevano in una capanna zincata 10’ -x10’ ed erano una delle diciassette famiglie di cui si occupava la comunità attraverso il loro negozio di oggetti usati. Avendo avuto il permesso dall’ente per l’insediamento territoriale di costruire intorno alla capanna esistente, hanno subito iniziato. I vicini si sono lamentati per la "grande casa" in costruzione. E dopo molti reclami, l’ente per l’insediamento territoriale ha chiesto la casa in fase di costruzione fosse demolita. Si è deciso allora di spostare la famiglia dalla terra abusiva e di comprare loro un appezzamento di terra per non rischiare di avere nuovamente problemi con le autorità. La terra è stata acquistata a Bonne Venture, nel dicembre del 2002, per $ 15,000 e in seguito è stata costruita una casa di 20’x20’ con due camere da letto. La casa è alta sette piedi da terra, ha un salotto, scale interne, una cucina al piano inferiore, un bagno e un piccolo edificio separato.

La parte superiore è fatta di legno mentre la cucina e il bagno sono in cemento. I Laici Carmelitani l’hanno dipinta di bianco, marrone chiaro e giallo e hanno messo una grondaia su un lato della casa che va dritta nella cisterna in tufo da 400 galloni per il rifornimento d’acqua della famiglia. Essi hanno arredato la camera da letto con armadi, letti, biancheria e la cucina con credenze, lavandino e un nuovo fornello. I mobili per il salotto e un tavolo da picnic con due panche sono state fatte per la camera da pranzo aperta nel piano inferiore. Un lavabo di cemento è stato installato per lavare i vestiti. Non essendovi elettricità, è stato necessario procurare lampade di kerosene per ogni stanza.

Sono state consegnate le chiavi alla famiglia e i Laici Carmelitani hanno trasferito la famiglia da Gasparillo a Bonne Venture con tanta gioia. L’intero progetto è costato circa $ 53,500 circa. Un ringraziamento sentito va a Dio e a Maria, e a tutti i benefattori e amici di Carmelo.


Kenya

Cinquantacinque Laici Carmelitani hanno partecipato al Ritiro tenuto nell’Aprile del 2004 – più del doppio del numero dei partecipanti dell’anno scorso, segno della grande vitalità dei Laici Carmelitani in Kenya. Ventisei membri hanno rinnovato la Professione. Janet Wafula alla fine del Ritiro ha fatto la sua Professione definitiva..

Un evento storicamente importante per la Famiglia Carmelitana in Kenya si è svolto il 9 Giugno. È stata benedetta la pietra di fondazione della Casa Carmelitana di Formazione a Nkoroi, Ongata Rongai, nella diocesi di Ngong. Questo evento ha segnato la fondazione ufficiale dell’Ordine Carmelitano in Kenya. Era presente per l’occasione il Consigliere Generale Fr. Anthony Scerri O.Carm.

Il 17 Luglio sono stati ordinati i primi due sacerdoti Carmelitani kenioti, dopo aver completato i loro studi in Spagna. La cerimonia si è svolta nella Cattedrale di Machakos, a circa 100 Km da Nairobi. È stato un evento molto pittoresco. La gioia della gente è stata davvero grande per il fatto di avere dei sacerdoti carmelitani kenioti. I novelli sacerdoti andranno negli USA per completare gli studi e poi torneranno in Kenya.

I Laici Carmelitani hanno fatto delle stupende celebrazioni come gruppo a Nairobi, il 18 luglio, Giorno della Rimembranza. I membri hanno avuto l’opportunità di condividere le loro esperienze sul tema "La mia vita nel Carmelo" in cui, da quando sono diventati Carmelitani, hanno condiviso esperienze diverse. È stato un giorno proficuo.  

Si terrà in ottobre la Conferenza Internazionale dei Formatori in Kenya. 


Jennifer Wajiku, TOC

La Carmelitana Laica Jennifer Wanjiku ha completato il Corso per il Diploma Superiore in Psicologia di Consultazione e lavora nella clinica HIV/AIDS con un’Organizzazione non governativa a Nairobi.


Maria Teresa Rullán vedova Del Toro, TOC

Maria Teresa Rullán vedova Del Toro faceva parte del Terz’Ordine Carmelitano di Puerto Rico ed è tornata alla casa del Padre sabato 15 maggio 2004.

Maria Teresa era nata nella città di Yauco, Puerto Rico, nel 1921, in gioventù è stata discepola della serva di Dio M. Dominga Guzmán Florit, fondatrice della Congregazione delle Suore Domenicane di Nostra Signora di Fatima. A 28 anni è rimasta vedova con tre figli. Alla morte del marito ha consacrato la vita a Dio con voto di castità perpetua e sotto la direzione di Fr. Roberto M. Barreneche, O. Carm., è entrata nel Terz’Ordine, facendo la professione il 17 dicembre 1961. Nella sua vita è stata madre esemplare, un’anima pia e lavoratrice instancabile. Restando sola, ha dovuto assumersi la responsabilità del negozio di famiglia, una fabbrica di mobili. Ciò non le ha impedito di partecipare attivamente alla vita della Chiesa locale e dell’Ordine dove ha fortificato e maturato la sua vita spirituale.

Nel Terz’Ordine è stata priora della Comunità di Santa Teresita, responsabile della formazione e animatrice di molte iniziative. Ha partecipato a numerosi incontri internazionali. Ha saputo difendere l’identità laica e l’idea del Terz’Ordine negli anni difficili del post-Concilio. Più tardi, grazie al sostegno e all’entusiasmo del nuovo direttore, Fr. Tarsicio M. Gotay, O. Carm., Maria Teresa ha visto il frutto della sua perseveranza con il fiorire del Terz’Ordine Carmelitano che oggi nell’isola di Puerto Rico conta seicento membri.

Ha lavorato molto per diffondere la devozione alla Madonna della Provvidenza, Patrona di Puerto Rico, di Fr. Saturnino Junquera, SJ, e nel movimento dei Cursillos di cristianità.

Le esequie, celebrate nella parrocchia di Santa Teresita de Santurce, sono state presiedute dal Card. Luis Aponte Martínez, dall’Arcivescovo emerito di San Juan e da Mons. Roberto O. González Nieves, ofm, Archivescovo di San Juan.


La Commissione Internazionale per i Laici Carmelitani

Tutti e dieci i membri della Commissione erano presenti all’incontro della Commissione Internazionale per i Laici Carmelitani tenutosi in Curia Generalizia a Roma dal 3 al 7 maggio 2004.

Josef Jancar ha aperto l’incontro con una preghiera e un minuto di silenzio in ricordo di Fr Redemptus Valabek, O. Carm per il suo contributo nella Commissione, il suo lavoro assiduo negli anni con i Laici Carmelitani. L’ex Priore Generale John Malley, O.Carm., è stato accolto calorosamente nella Commissione.

I temi trattati nell’incontro includono il nuovo rituale, il prossimo Congresso Internazionale, il Bollettino di Isidore Bakanja, la Regola del Terz’Ordine, il Segretariato Internazionale e i giovani nel Carmelo.

È stato riesaminato il piano del sessennio della Commissione e sembra proceda bene.

È in corso la preparazione per il Congresso Internazionale dei Laici Carmelitani presso la Casa Beato Nuno a Fatima in Portogallo dal 2 al 9 settembre 2006. Si è discusso lo scopo di questo Congresso Internazionale e il pensiero comune emerso è che il Congresso:
(a) offre un’esperienza di famiglia Carmelitana.
(b) un’opportunità per scambiare idee.
(c) è valido per ascoltare le esperienze di altri Laici Carmelitani che vivono la vita attiva/contemplativa nel Carmelo.

Si è iniziato a preparare il nuovo Rituale per l’accoglienza, la Professione Temporanea e la Professione Perpetua. Il contenuto proposto, presentato durante l’incontro, è stato soddisfacente e sono state vagliate ulteriori idee. È stata discussa la diversità di lingua e di cultura. Si prevede di completare il Rituale in tempo per il Congresso Internazione di Fatima del 2006.

È in corso di istituzione un Segretariato Internazionale nella Curia Generalizia a Roma. Molte Province hanno risposto alla richiesta sui dettagli riguardo alle comunità dei Carmelitani Laici e agli altri gruppi laici associati all’Ordine. Questa informazione è stata inserita nella directory internazionale del Laicato Carmelitano.

Il prossimo incontro della Commissione Internazionale dei Laici Carmelitani avrà luogo in Curia Generalizia a Roma dal 2 al 6 maggio 2005.

Congresso Internazionale dei Carmelitani Laici
2-9 Settembre 2006 presso la Casa Beato Nuno, Fatima, Portogallo

Una lettera di convocazione è stata inviata a tutte le Province per invitare i Laici Carmelitani interessati a partecipare ad informare il Segretariato Internazionale entro il 30 settembre 2004. La centralità del Congresso sarà: Comunicazione e Formazione. Si spera che le comunità incoraggino e sostengano i loro formatori a partecipare. L’invito è aperto a tutti i Laici Carmelitani e non solo ai membri indicati dalle Province. Vi saranno cinque relazioni cui seguirà molto tempo per la discussione e condivisione in piccoli gruppi.

Per i contatti, si prega di rivolgersi a:

Segretariato per i Laici Carmelitani
Curia Generalizia dei Carmelitani
Via Giovanni Lanza, 138
00184 Roma Italia

e-mail: lay.carmelites@ocarm.org

 

 

TORNARA AL INDICE DEL CITOC  |  TORNARA AL INDICE DEL QUESTO NUMERO DI CITOC


INDICE DEI SITI WEB DEI CARMELITANI
carmelites.info  |  carmelitas.info  |  carmelitani.info