n. 4   luglio - agosto 2002
 


 

RIUNIONE PER PREPARARE LA RATIO PER LE MONACHE

D’accordo con el Progetto del Consiglio Generale dal 5 al 7 giugno 2002 ci siamo riuniti presso la nostra Curia Generalizia la piccola comissione composta dal  P. Rafael Leiva Sánchez, Consigliere e Delegato Generale per le Monache, P. Giovanni Grosso (Prov. Italiana) e P. Desiderio García Martínez (Prov. Arago-Valentina) per preparare la Ratio Institutionis Vitae Carmelitae per le nostre Monache ed anche lo Schema per l’Incontro Internazionale degli Assistenti, Delegati e Monache nel febbraio 2003.Animiamo alla partecipazione alle nostre monache.

La bozza sarà inviata ai monasteri nelle tre lingue ufficiali del’Ordine (inglese, italiano, spagnolo) como uno strumento di lavoro (Instrumentum laboris), cioè il Testo base sul quale devono lavorare con delle domande concrete alle quale possono rispondere le songole monache, i monasteri o/la federazione.

L’Incontro Internazionale per l’Assistenti religiosi, Delegati Provinciali per le Monache e per le Monache avrá luego nel 2003 presso la Domus Carmelitana di Roma dal 17-21 febbraio 2003. Il tema sarà: Studio della RIVC per le Monache.


IL CARDINALE SOMALO: "L'ORDINE HA MOLTO DA CELEBRARE

Rispondendo alla relazione periodica che il Priore Generale è chiamato a dare in Vaticano sullo stato dell’Ordine, il Prefetto della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica, il card. Eduardo Martínez Somalo, scrive: "Dalla relazione si evince che negli ultimi anni avete avuto molti motivi di celebrazione".

Il Cardinale ha ricordato la promulgazione delle nuove Costituzioni, l’inizio di nuove missioni, la celebrazione del 750° anniversario dello Scapolare, il dottorato di s. Teresa di Lisieux e la canonizzazione di Edith Stein come "opportunità per tutti i Carmelitani a riflettere sull’unicità della propria chiamata e sul carisma".

È stato anche sottolineato dal Cardinale la rinnovata centralità data alle vocazioni e alla formazione. Ha scritto a proposito il Cardinale: "Deve essere lodata la pubblicazione della nuova edizione della Ratio e la speranza di realizzare un Direttorio di Spiritualità Carmelitana. L’importanza di solidi programmi per la formazione iniziale e permanente non può essere sottovalutata".

Ha inoltre evidenziato gli impegni presi per approfondire la comprensione degli elementi essenziali del carisma carmelitano, specialmente il senso mariano, l’importanza degli aspetti comunitari e contemplativi della nostra chiamata e la riscoperta dell’efficacia della Lectio Divina.

Il Cardinale si è anche congratulato con il Priore Generale e i membri del suo Consiglio per la loro elezione: "Chiedo al Signore per ciascuno di voi le grazie necessarie per svolgere questa missione nella pace e nella gioia".

La lettera è stata trasmessa dal Vaticano il 4 luglio 2002.


UPDATE SU ZIMBABWE

Lo Zimbabwe è un paese senza coste dell’Africa del Sud. Ha una popolazione di circa tredici milioni di persone. Si è conquistata la sua liberazione dal governo di minoranza bianca nel 1980. Da allora Robert Mugabe è stato al potere e recentemente è tornato all’ufficio di Presidente tramite delle elezioni che molti considerano non libere e giuste.

Sembra che una parte elevata dell’elettorato della capitale, Harare, non abbia potuto votare in queste elezioni poiché il numero dei seggi per votare era stato ridotto rispetto alle elezioni precedenti. In questa corsa alle elezioni, sono state fatte molte intimidazioni nelle zone rurali del paese. Dalle elezioni, le parole tollerate dai rappresentanti dell’Africa del Sud e della Nigeria fra il partito di governo, ZANU PF e il partito di opposizione, MDC, il partito di opposizione, danno poca speranza per una certa strategia di riconciliazione e di accordo per affrontare i molti problemi che assalgono il paese.

La disoccupazione è un problema serio e l’inflazione annua ha raggiunto nel 2001 il 116%. L’investimento estero sta esaurendosi e il turismo, grande fonte di guadagno nei tempi passati, ha molto sofferto a causa del clima politico incerto. La carestia dei mesi di gennaio e febbraio di quest’anno con la distruzione del raccolto principale, mais, ha gettato il paese in una situazione ai limiti della fame con pochi aiuti da parte della Comunità internazionale a causa della preoccupazione per il risultato delle ultime elezioni e la ridistribuzione della terra che sta avvenendo nello Zimbabwe.

I Carmelitani sono arrivati nello Zimbabwe durante il 1946 e da allora hanno lavorato principalmente nella parte orientale del paese, anche se ora abbiamo un certo numero di Comunità in Harare. Uno dei tre pionieri carmelitani, Fr. Luke Flynn, è morto nel mese di maggio di questo anno; gli altri due, il vescovo Donal Lamont e Fr. Anselm Corbett si sono ritirati in Irlanda dove continuano ad essere attivi. Nove dello Zimbabwe hanno emesso la loro Professione solenne nell’Ordine Carmelitano e ci sono circa trenta giovani nelle varie tappe formative.

Una Congregazione di Suore Carmelitane, le Ancelle di Nostra Signora del Monte Carmelo, è a servizio della diocesi di Mutare.

I Carmelitani hanno tentato di essere una presenza di appoggio alla gente durante questo difficile periodo. Anche se esortati a non fare politica, coinvolti la maggior parte dei Carmelitani hanno continuato a parlare dei diritti del popolo a fare le proprie scelte, compreso il discernimento delle proprie guide senza timore di intimidazioni o discriminazioni. I nostri fratelli sono stati coinvolti nella scrittura e pubblicazione di un certo numero di dichiarazioni e lettere alla stampa riguardo alla quantità di infrazioni dei diritti dell’uomo e circa l’assoluta necessità per tutte le componenti della Comunità di lavorare insieme nell’armonia e nella pace.


LA COMMISSIONE PER LA CULTURA PROPONE UN RINNOVATO INTERESSE NEGLI STUDI SUPERIORI DELL'ORDINE

Cercando per un nuovo orientamento nei vari Istituti associati all’Ordine e un rinnovato interesse che promuova gli studi superiori nell’Ordine, la Commissione internazionale della Cultura ha individuato diverse aree con possibilità di sviluppo nei prossimi anni.

Seguendo le indicazioni del "Progetto del sessennio" del Consiglio Generale, l’attenzione volgerà al lavoro in rete degli Istituti Carmelitani in tutto il mondo. Sono state inoltre identificate le aree geografiche in cui si potrebbe costituire un Istituto Carmelitano. Particolare attenzione è stata riservata all’Institutum Carmelitanum a Roma. Sotto il direttore recentemente nominato, Patrick McMahon, O. Carm., il Comitato Centrale (8 membri provenienti dalle varie parti del mondo con responsabilità direzionali nell’Istituto) si incontrerà in Ottobre per sviluppare ulteriormente questo programma.

È incluso nella progettazione dell’Istituto sia l’importanza di una Biblioteca carmelitana a Roma che la disponibilità degli Archivi Generali dell’Ordine.

I membri della Commissione della Cultura hanno rivisto la posizione del "Delegato", figura creata dal Capitolo Generale del 1995. Diverse fra le mansioni originariamente date al Delegato ora sono svolte da altri. Tuttavia, la Commissione ha ritenuto che lo scopo principale del Delegato è di creare nell’Ordine una visuale di ampio respiro riguardo agli studi superiori accademici e promuovere programmi di studi con i Provinciali e gli studenti inerenti alle necessità dell’Ordine.

Dopo l’incontro è stato nominato per questo compito il P. Mark Attard, O. Carm.

I membri della Commissione internazionale della Cultura si sono incontrati a Roma dal 4 al 7 maggio 2002.

Il verbale della riunione può essere letto nella lingua originale in carmelitani.info/cultura


COMMISSIONE GENERALE PER IL LAICATO CARMELITANO

Nei giorni 27-31 maggio 2002 si sono riuniti presso la Curia Generalizia in Roma per la prima riunione, i membri della Commissione Generale per il Laicato Carmelitano: Sig.na Renée Prieur, T.M., Sig.ra Anita Renehan (Aust), Sig.ra. Rose Mary Lancellotti (Sel), Sig.ra. Amanda Rodrigues Jordão (Pern), Sig. Alfio Parisi (Ita), Sig. Daniele Pieri (Famiglia), P. Redemptus Valabek O.Carm. (Sel), P. Giovanni Grosso, O.Carm. (Ita) e P. Josef Jancar, O.Carm. (Delegato Generale per il laicato). Assenza scusata: Sig. Jaime Lledó Patiño (Baet).     

All’inizio della riunione  il Priore Generale ha salutato la nuova  Commissione ed ha ribadito l’importanza della Commissione per tutto il Carmelo. In seguito ha parlato dei terziari come membri integranti del Carmelo e anche dell’importanza della loro formazione.

Secondo il programma stabilito la Commissione ha trattato una vasta gamma di argomenti:

1. La prima esigenza considerata dalla Commissione è stata quella di creare un Segretariato permanente per il laicato  carmelitano, che aiuterebbe il Delegato Generale per il laicato carmelitano nell’adempire il suo compito di animazione e coordinazione del laicato nelle sue diverse forme. È stato ribadito che questo Segretariato fu uno dei punti sul quale il Congresso di Sassone insistette fortemente.

2. Il secondo punto emergente riguarda la Regola del Terz’Ordine Carmelitano. La Commissione ha dedicato molto tempo allo studio dei suggerimenti circa la Regola, proposti dal Congresso dei laici a Sassone e anche alle osservazioni del nuovo Consiglio Generale. La Commissione intende portare questo lavoro a termine quanto prima. Per accelerare i lavori ha nominato una sottocommissione, la quale preparerà la bozza definitiva della Regola, prendendo in considerazione le osservazioni studiate. Si sottoporrà detta bozza all’approvazione del Consiglio Generale e poi della Santa Sede. Si è stabilito come limite la fine di quest’anno o l’inizio dell’anno prossimo.

3. Riguardo al bollettino informativo per il laicato Isidore Bakanja, la commissione ha accettato la proposta della Commissione Generale per le Comunicazioni, cioè che il  bollettino farà parte del notiziario bimestrale CITOC dell’Ordine, il quale sarà distribuito in tutte le comunità, non solo dei frati e delle monache, ma anche delle suore e dei laici.

4. Per questo scopo è necessario creare una rete di collaboratori laici nelle singole province o nazioni.  In questo contesto, ma anche per altre ragioni, c’è stato un appello per avere un Direttorio Internazionale del laici aggiornato.

5. La Commissione ha anche preparato un Progetto globale per i prossimi sei anni. Oltre i punti sopraccitati, sono emersi i seguenti punti:

- stendere  una descrizione dei diversi gruppi di laici dentro la Famiglia Carmelitana

-  incentivare il ruolo dei giovani laici nei diversi gruppi

- preparare un Rituale TOC

- intensificare il processo di formazione carmelitana dei laici: ciò comporta la preparazione di un documento sulla formazione dei laici e anche un manuale di formazione per tutto il TOC

- preparare un Congresso del laicato Carmelitano da essere realizzato in settembre 2006.

 6. La Commissione incoraggia vivamente i gruppi di laici, sia a livello locale sia a livello provinciale, di  organizzare una celebrazione della bolla Cum nulla, la quale ha dato vita dentro l’Ordine Carmelitano, oltre alle monache anche ai laici.

Per ulteriori informazioni sulla Commissione per il Laicato Carmelitano: carmelitani.info/laicato


IL SITO WEB DELLA PROVINCIA IRLANDESE VINCE UN PREMIO
          www.carmelites.ie


Il sito web della Provincia continua ad andare di bene in meglio. Attualmente si trovano in media 400 visitatori al mese, percentuale molto buona, per un totale di 21.000 pagine. Le aree più popolari continuano ad essere la sezione sulle nostre case seguite rispettivamente dalle sezioni sulla preghiera e sulla spiritualità.

Nel marzo 2002, il sito web è stato inserito in Doras che le pagine gialle designano quale indice dei siti web irlandesi su Internet. Le liste dei siti assegnano i trifogli d’Irlanda e danno un giudizio critico sul sito. Il sito carmelitano dell’Irlanda è stato premiato con tre trifogli d’Irlanda (il premio più alto è di quattro trifogli) e la critica era molto favorevole: "Il sito…trasmette un certo calore…con tante informazioni sullo stesso Ordine Carmelitano, santi, preghiere, pubblicazioni religiose, archivi, una mappa del sito e sezioni di links. Ci sono anche discorsi di figure eminenti, quali il presidente McAleese, e riflessioni sulle letture quotidiane. Questo sito potrebbe essere una utile risorsa per gli studenti di teologia o per chiunque avesse interesse per la preghiera o per la religione".

Per aiutare i visitatori a ricevere il massimo dalla loro visita, è stato aggiunto un nuovo motore di ricerca, potenziato da Google, uno dei migliori motori di ricerca disponibili su Internet. Questo fa sì che i visitatori cercando un nome o parola particolare nel sito, trovino rapidamente ciò che c’è dopo.

Il sito è uno strumento straordinario per raggiungere le persone di tutto il mondo e far conoscere la Provincia e l’Ordine. Lo si è constatato facilmente dalle richieste di scapolari che giungono da lontano come dall’Indonesia e dalla Malesia, e dalle richieste di preghiere che giungono dalle varie parti del mondo.

Una pagina importante e popolare fornisce le riflessioni sulle letture – dal sabato alla successiva domenica, come pure una nota sommaria su alcune memorie celebrate nella settimana. La riflessione per un giorno è di circa 100 parole.

(ristampato da Causa Nostrae Laetitiae, Estate 2002)


NOMINATO IL NUOVO DIRETTORE DI CARMELUS

Edmondo Coccia è il nuovo direttore di Carmelus. Recentemente nominato, assumerà la direzione al posto di Fr Richard Copsey all’inizio del nuovo anno. Esperto traduttore di libri, ha da poco curato la traduzione dell’Istituzione dei primi monaci, edita in italiano dalla Tipografia Vaticana. Scrive di frequente sulla rivista La Madonna del Carmine. 


NUOVO NOMINE DEL PRIORE GENERALE PER IL CISA E IL DELEGATO PER LA CULTURA

Il P. Mark Attard, O. Carm., dopo aver prestato per sei anni il servizio di priore nella comunità del Centro Internazionale S. Alberto (CISA) è stato confermato per un altro triennio. All’annuncio della nomina il Priore Generale P. Joseph ha aggiunto che il P. Mark avrà anche la responsabilità di "Delegato per la Cultura" per incoraggiare gli studi superiori e promuovere una visione accademica di più vasti orizzonti nell’Ordine.

Il P. Antonio Ruiz, O. Carm., attuale direttore delle Edizioni Carmelitane, tornerà nella propria Provincia per svolgere un nuovo apostolato secondo il mandato del Priore Generale. Il P. Antonio ha servito la comunità del CISA come priore, economo, amministratore dell’Institutum Carmelitanum, membro dell’equipe di Formazione Permanente oltre che direttore delle Edizioni sin dall’inizio.

Questi cambiamenti sono stati annunciati alla comunità del CISA dopo la Celebrazione Eucaristica a chiusura dell’anno accademico a Roma il 1° giugno 2002.



CELBRAZIONE DELLA FESTA DI S. MARIA MADDALENA DE PAZZI

La Curia, su invito delle monache del Monastero di S. Maria degli Angeli in Careggi (Firenze), ha partecipato alla celebrazione del 25 maggio 2002, festa di S. Maria Maddalena de Pazzi, inviando quale rappresentanti il P. Carlo Cicconetti, Vice Generale e il P. Rafael Leiva Sánchez, Consigliere per l’area mediterranea e Delegato Generale per le Monache.

Ha presieduto Mons. Francesco Saverio Salerno, Vescovo di Cerveteri e Segretario del Supremo Tribunale della Signatura Apostolica, accompagnato dal P. Vice Generale. Nell’omelia ha ricordato come negli anni trascorsi in seminario la figura della Santa mistica carmelitana, il cui corpo riposa nel Monastero, era portata ad esempio per i seminaristi. Numerosi religiosi e laici erano presenti alla celebrazione.

Il 24 maggio il P. Vice Generale ed il P. Consigliere si sono recati presso l’eremo carmelitano di San Martino alla Palma (Firenze), fondato anni fa da alcune monache venute dal Monastero di Santa Maria Maddalena de’ Pazzi in Firenze, bellissimo luogo di preghiera che ispira a chi giunge desiderio di silenzio e di contatto con Dio.



NUOVO CENTRO DI SPIRITUALITÁ MARIANA A MALTA

Il 31 maggio 2002 la comunità di Malta ha celebrato l’apertura del Centro di Spiritualità Mariana nella Casa per Ritiri a Lunzjata con un programma di canto corale e conferenze tenute principalmente da Alexander Vella, O. Carm., su "Maria e i Vangeli" e dal Priore Generale su "Maria, la contemplativa".

Il Priore Generale ha colto l’opportunità di celebrare la Messa nella parrocchia carmelitana di Fgura per la chiusura dell’anno accademico dell’Università Carmelitana "S. Elia".



CONVEGNO CONGIUNTO OCD-OCARM SULLA REGOLA CARMELITANA

Si è tenuto dal 26 al 30 agosto 2002 nel Dalgan Park, in Irlanda, il Convegno congiunto sulla Regola. L’incontro è stato guidato da Eltin Griffin, O. Carm.

Hanno parlato il primo giorno: Patrick Mullins, O. Carm. con una presentazione generale su: "Le origini della Regola", James McCaffrey, O.C.D.: "Le radici bibliche e la Parola di Dio nella Regola"; Christopher O’Donnell, O. Carm.: "Oriente, dimensione palestinese della Regola".

Il 28 agosto, Sr Máire (Knock), Immaculata (Hampton) e Teresa (Roebuck) hanno presentato: "La dimensione eremitica della Regola"; Liam Finnerty, OCD, e Sr Patrice (Tallow): "La dimensione cenobitica della Regola".

L’ultimo giorno del Convegno Christopher O’Donnell ha delineato "Il Commentario sulla Regola di Giovanni Baconthrop in chiave mariana" e Eugene McCaffrey, OCD,: "S. Teresa e la Regola". Eltin Griffin, O. Carm. ha elaborato una sintesi finale al termine del Convegno.

Il Convegno è stato organizzato da un comitato di fratelli O. Carm. e OCD con il Consiglio dell’Associazione dei Carmeli irlandesi.


IX INCONTRO DELLA FAMIGLIA CARMELITANA DELLA REGIONE IBERICA

Dal 2 al 5 luglio 2002  s’é celebrato il IX Incontro della Famiglia Carmelitana della Regione Iberica. A quest’Incontro, organizzato quest’anno dalle Suore della V.M.del M.C., sono stati presenti più d’una centania di membri della Famiglia Carmelitana: P. Rafael Leiva Sánchez, Consigliere Generale, a nome del P. Generale; Suor M. del Carmen Aparicio, Sup. Generale (HH. de la V. M. del M.C.); Suor Encarnación Flórez González, (HH. Carmelitas del Sgdo. Corazón); P. Manuel Bonilla Gutiérrez,

Provinciale de Catalogna e Presside della Conf. dei Provinciali; P. Luis Ortíz Serrano, Provinciale di Castiglia; numerosi membri delle diverse Provincie (Arago-valentina, Betica, Castiglia e Catalogna), dal Comisariato Generale del Portogallo, delle due Congregacioni di Suore sopra nominate e dei laici carmelitani.

L’Incontro é stato condotto dal P. Antonio Vázquez Fernández, O. de M. e Fr. Egidio Palumbo, O.Carm. della Comunità di Pozzo di Gotto (Italia).


XV CONGRESSO DEI LAICI CARMELITANI

Dal 31 maggio al 2 de giugno s’è celebrato il XV Congresso dei Laici Carmelitani della Provincia Arago-Valentina presso El Carmen di Onda (Castellón). Il P. Rafael Mª López Melús ha parlato sull’origine dei laici carmelitani e la bolla ‘Cum Nulla’.



RIUNIONE DEI NOVIZI DEL NORD EUROPA E RESPONSABILI DI FORMAZIONE

Si è svolto un convegno della durata di una settimana con i novizi e i responsabili di formazione delle regioni dell’Ordine del Nord Europa, incluse la Polonia, la Repubblica Ceca, l’Irlanda, la Germania, la Gran Bretagna e l’0landa.

Un evento biennale organizzato da David Fox (Brit), Sanny Bruijns (Neer), Gerard Westendorp (Neer) e Leszek Pawlak (Pol). Questo anno si è tenuto per la prima volta nel Convento Carmelitano a Cracovia, Polonia, fondato nel 1397.

I novizi hanno avuto anche l’opportunità durante il convegno di visitare la città di Cracovia. Durante la visita a Czestochowa la temperatura ha raggiunto i 35° C / 102° F!

La riunione dei formatori (maestri dei novizi e degli studenti, promotori vocazionali) della regione del Nord Europa si è tenuta nel Carmelo Giovanni Soreth a Münster, Germania, dal 2 al 6 settembre.

La riunione è stata promossa da Christopher O’Donnell, O. Carm., della provincia irlandese.

Hanno partecipato alla riunione i rappresentanti delle Province tedesca, britannica, irlandese, olandese, polacca e della delegazione generale della Boemia e della Moravia.


LE FOTOGRAFIE DEL INCONTRO DEI NOVIZI A POLONIA
 

 
 
 
 


GRANDE ESPOSIZIONE PER ONORARE LA SPIRITUALITÀ CARMELITANA CHE ATTRAVERSA I SECOLI

Una celebrazione lunga un mese nel centro culturale "Giovanni Paolo II" di Washington, DC, ha onorato la tradizione della spiritualità carmelitana dal profeta Elia ai santi attuali.

Un programma speciale il 20 luglio, solennità di Elia profeta, fondatore spirituale dei carmelitani, ha lanciato questo grande evento. Lo straordinario omaggio ha incluso ciò che è stato chiamato "una esposizione senza precedenti" delle numerosi reliquie e pezzi artistici offerti da diversi monasteri carmelitani e dal Santuario Nazionale di S. Teresa a Darien, IL.

"Noi siamo felici di onorare la spiritualità carmelitana con questa esposizione significativa" ha detto Penelope C. Fletcher, direttore del Centro Culturale. "Molti degli

articoli che vedete non sono stati mai resi disponibili all’osservazione pubblica. È quindi un’occasione meravigliosa perché la gente possa vedere questi tesori spirituali".

Gran parte dell’esposizione è stato dedicata a s. Teresa e ha incluso una pittura quasi a grandezza naturale di lei realizzata dalla sorella Celina Martin (Sr Genevieve), un oggetto dipinto da Teresa, la sua sedia di panno della cella del monastero e un’illustrazione da lei fatta dell’America del Nord.

Erano a disposizione anche reliquie di altri santi e martiri carmelitani dal XIV al XX secolo. Fra queste le reliquie di s. Teresa d’Avila, della B. Anna di Gesù, compagna e infermiera di s. Teresa, delle sedici monache martiri carmelitane di Compiègne al tempo della Rivoluzione francese, delle tre monache carmelitane martiri della guerra civile spagnola, del XVII centenario della B. Margaret del SS.mo Sacramento, e di s. Andrea Corsini.

L’esposizione è durata fino alla fine del mese di agosto 2002.



IL CARMELO DEL NEGROS CELEBRA IL 550° ANNIVERSARIO DELLA BOLLA "CUM NULLA"

Il 21 luglio 2002, la famiglia carmelitana nell’isola di Negros si è riunita con le monache del Monastero di Nostra Signora delle Meraviglie e San Giuseppe nella città di Dumaguete, Negros orientale.

Hanno partecipato circa centocinquanta carmelitani inclusi frati, aspiranti, laici associati, e i terziari dal Carmelo di Escalante del Negros Occidentale come anche le sorelle claustrali, i terziari e le confraternite di Sibulan e di Dumaguete, i giovani carmelitani, le sorelle carmelitane di Dixie, e le sorelle Carmelitane di Nostra Signora.

Fr. Christian Buenafe, O. Carm., priore del Carmelo di Escalante ha parlato della bolla papale e ha lasciato poi la parola per una libera condivisione concludendo con un programma culturale. Il giorno si è concluso con la Celebrazione Eucaristica.



IL COLLEGIO 'MOUNT CARMEL' CELEBRA 41 ANNI

El collegio "Monte Carmelo" nelle Filippine ha celebrato il suo quarantunesimo anniversario nei giorni 14-16 febbraio 2002.

La celebrazione di tre giorni è iniziata con la Messa a Thanksgiving, presieduta da uno degli alunni, Fr. Pedro Manilag, J., del Carmelo di Cebu. Fr. Anton Hoogland, O. Carm., ha svolto l’omelia nella Celebrazione, essendo uno dei docenti della facoltà teologica nel 1980 e un ex membro del Consiglio di Amministrazione. Hanno concelebrato altri sei alunni carmelitani.

Nella celebrazione erano previsti anche: bancarelle espositive, spettacoli di varietà, giochi, la realizzazione di un festival, piantagione di alberi e una bella gita.

L’avvio del Festival carmelitano delle Arti ha presentato pitture, una vetrina di ballo, un momento giochi, un concerto musicale tra altre attività. Il Monte Carmelo ha inoltre lanciato il suo quarto programma attraverso la Libreria della Speranza, libreria per bambini dove i membri dall’università condividono esperienze di lettura

L’università "Monte Carmelo" nelle Filippine ha celebrato il suo quarantunesimo anniversario nei giorni 14-16 febbraio 2002.

La celebrazione di tre giorni è iniziata con la Messa a Thanksgiving, presieduta da uno degli alunni, Fr. Pedro Manilag, J., del Carmelo di Cebu. Fr. Anton Hoogland, O. Carm., ha svolto l’omelia nella Celebrazione, essendo uno dei docenti della facoltà teologica nel 1980 e un ex membro del Consiglio di Amministrazione. Hanno concelebrato altri sei alunni carmelitani.

Nella celebrazione erano previsti anche: bancarelle espositive, spettacoli di varietà, giochi, la realizzazione di un festival, piantagione di alberi e una bella gita.

L’avvio del Festival carmelitano delle Arti ha presentato pitture, una vetrina di ballo, un momento giochi, un concerto musicale tra altre attività. Il Monte Carmelo ha inoltre lanciato il suo quarto programma attraverso la Libreria della Speranza, libreria per bambini dove i membri dall’università condividono esperienze di lettura con i bambini filippini del nordest di Negros.


L'ASSEMBLEA GENERALE DELLA DELEGAZIONE FRANCESE

Nei giorni 15-16 aprile ha avuto luogo a Nantes Assemblea Generale della Delegazione di Francia, attualmente composta dai Frati. Gianfranco Tuveri, Delegato Generale a Priore di Angers, Klaus Schenkelberger, Priore di Nantes, Paul Feeley, eremita a Villefranche, Joseph Abad, parroco della parrocchia di Angers, Romero Gouvea de Lima, direttore del centro Studi, Jordi Prunera, della comunità di Nantes e Jean Pierre Sumbu.

Era presente Fr. Carlo Cicconetti, Vice Generale, il Delegato generale ha svolto la sua relazione sullo stato della delegazione che da ottobre ha lasciato Bourges alla provincia di Polonia e ha acettato una parrocchia centrale ad Angers. Alla relazione è seguito un dibattito franco ed aperto guidato, il primo giorno, da Fr. Jean Friant, ex Superiore Generale dei Fratelli di S. Gabriele.

La nota carattersitica originale della Delegazione è la sua internazionalità, assieme alla finalità di ricollegarsi alla cultura Francese della tradizione carmelitana. A Nantes abbiamo un promettente Centro Studi ed è in avanzato allestimento una biblioteca con specializzazione in Storia e Spiritualità. Ad Angers il Vescovo, lo scorso ottobre, ha affidato alla comunità una parrocchia in zona centrale e vicino a un Liceo e alla Università Cattolica. Il punto debole della delegazione é sembrato il numero insufficiente di Frati e la difficoltà di avviare un proficuo e acculturato annuncio vocazionale.


ASSEMBLEA DEI CARMELITANI LAICI IN INDONESIA

Dal 5 al 7 luglio 2002 a Malang, Indonesia, si è svolto un ritiro e l’assemblea dei Laici Carmelitani indonesiani, organizzato dal Centro Nazionale per i Laici Carmelitani. Hanno preso parte circa sessantacinque Laici Carmelitani provenienti da Malang, Batu, Probolinggo, Surabaya, Jember e Jakarta. Il P. Florianus Buyung, O.Carm., ha rappresentato la nuova comunità di Mauloo, Flores.

Tema dell’incontro: "Alzati e mangi, perché è lungo il cammino" (1Re 19,7).

In tre sessioni, il P. Yulius Sudharnoto, O.Carm., e Suor Merry Teresa, O.Carm., hanno presentato il patrimonio spirituale carmelitano perché affluisse copiosamente un nuovo spirito nei partecipanti. Si spera che a loro volta ne condividano l’esperienza con le loro comunità.

Alla fine della riunione i partecipanti hanno presentato le loro proposte tra le quali quella di formare un Consiglio Nazionale. Gli attuali membri del Centro Nazionale dei Laici Carmelitani Indonesiani serviranno come Comitato quotidiano esecutivo; il Consiglio Nazionale includerà il Delegato Nazionale, il presidente (priore) delle comunità, quattro membri dalle comunità più numerose (Surabaya, Jakarta, Probolinggo e Jember) più un esperto. Ci si augura che questo gruppo si possa riunire due volte all’anno.

Il Consiglio Nazionale agirà come centro di ricerca per tutta la Provincia e preparerà il materiale per la formazione.


PREMIO 'TITO BRANDSMA'-- FONDAZIONE AVVIATA NELLE FILIPPINE

La Fondazione nelle Filippine ha ufficialmente lanciato il 2 febbraio 2002 il Premio "Tito Brandsma"e il Centro Titus Brandsma nella città di Quezon. Uno dei suoi primi compiti era di assegnare il secondo Premio "Tito Brandsma".

Il Comitato della Fondazione ha deciso di assegnare il premio ai giornalisti di fuori città, particolarmente a Mindanao. "È una sfida per richiamare quest’anno l’attenzione nazionale ai giovani ma coraggiosi giornalisti del Sud che hanno meritato più di questo applauso, più del riconoscimento da parte della società per la qualità di un servizio reso al popolo filippino nella continua lotta per la verità. Il loro desiderio egoistico per risollevare la situazione difficile della cittadinanza filippina dai legami dell’ignoranza e del dolore: prendere più di uno stipendio in contanti per ricambiare".

Tema di questo secondo Premio "Tito Brandsma": "Giornalisti del Sud: una sfida nella crisi".

Questo premio è la versione filippina del Premio internazionale "Tito Brandsma" assegnato dall’"Unione Cattolica Internazionale della Stampa" (UCIP), forum mondiale degli operatori dei media, secolari e religiosi.


IL RADUNO DEI CRONISTI FILIPPINI

I cronisti delle varie comunità sono convenuti per un "Incontro dei Cronisti", una lettura-seminario progettata per accrescere la capacità di scrivere e imparare tecniche innovative.

Hanno partecipato nove cronisti, rappresentanti delle varie comunità: Toots Buenafe, John Gelio-ano, Peter Kramer, Peter Manilag, Marlon Lacal, Eddie Albiño, Sr Nimfa Tangcuanco, Bro Alain Balasabas, Arnold, Normie Lacanilao e Jofti Villena. Uno speaker ha presentato le novità della Chiesa mentre un altro ha rilevato la specificità delle notizie carmelitane.

L’incontro di due giorni è iniziato con un dialogo sulla valutazione delle necessità e si è concluso con annotazioni circa l’amministrazione archivistica e di gestione.


IL SESTO INCONTRO F.O.C.A.L. NEL SUD-AMERICA

È iniziato il 4 agosto 2002, il VI incontro del FOCAL (Formazione Carmelitana America Latina). Hanno partecipato circa trentadue partecipanti, fra cui frati, monache, suore, e laici, rappresentanti delle varie Congregazioni e Province degli otto paesi dell’America Latina e dei Caraibi.

Tema dell’incontro: "La preghiera: sorgente di fraternità e profezia".

Erano presenti il Priore Generale, Joseph Chalmers, O. Carm. e il Consigliere Generale per l’America Latina, Carlos Mesters, O. Carm.

L’incontro si è concluso il 17 agosto.


IL SEMINARIO CARMELITANO DELL'AMERICA DEL NORD ANNUNCIA IL PROGRAMMA PER GIUGNO 2003

Il tema del 16° Seminario Estivo annuale sulla Spiritualità carmelitana che si svolgerà presso l’Università S. Maria, Notre Dame, Indiana 46556, USA, è: "La preghiera contemplativa in tempo di crisi". Il seminario avrà luogo dal 22 al 28 giugno 2003.

Per ulteriori informazioni scrivere a: Keith J. Egan, Aquinas Chair in Catholic Theology, Saint Mary’s College, Notre Dame, IN 46556 oppure comunicare per e-mail: Keith.J.Egan.l@nd.edu


 

TORNARA AL INDICE DEL CITOC   |   TORNARA AL INDICE DEL QUESTO NUMERO DI CITOC
 


INDICE DEI SITI WEB DEI CARMELITANI
carmelites.info  |  carmelitas.info  |  carmelitani.info