n. 1   gennaio - marzo 2005
.


Beatificazione di Maria Crocifissa Curcio

La fondatrice dell’Istituto delle Suore Carmelitane Missionarie di s. Teresa di Gesù bambino, Maria Crocifissa (Rosa) Curcio, sarà beatificata dalla Chiesa il 24 aprile 2005 con una cerimonia in Vaticano.

Madre Crocifissa era la settima di dieci figli nati in una famiglia di ceto medio da Salvatore e Concetta Curcio. Suo padre era funzionario postale. Altri parenti erano notai, avvocati e farmacisti. Nacque il 30 gennaio 1877. All’età di13 anni si unì al Terz’Ordine Carmelitano. Suo padre non le permise di studiare. La sua vita cambiò radicalmente quando si imbatté nella lettura di un testo su s. Teresa.

Pur a contatto da anni con diversi Carmelitani, fu collaborando col Carmelitano olandese Lorenzo van den Eerenbeemt che Madre Crocifissa portò a termine molte cose. In quel tempo avvenne la fondazione della città costiera di Santa Marinella dove oggi si trova l’Istituto.

Il cammino verso la canonizzazione è iniziato ufficialmente il 6 dicembre 1988 quando il Vescovo Diego Bona, Ordinario della Diocesi di Porto S. Rufina, ha presentato la richiesta per il nulla osta alla Congregazione per le Cause dei santi. Il permesso di lavorare alla causa della Curcio è stato dato il 3 gennaio 1989.

Il 20 aprile 2004 i teologi consultori per la Congregazione si sono incontrati per stabilire il legame fra un miracolo e l’intercessione della Serva di Dio. In ottobre la Congregazione Ordinaria dei Vescovi e dei Cardinali ha dato parere positivo al miracolo, in dicembre è stato firmato il Decreto dal Santo Padre, e il 28 dicembre si è ricevuta la comunicazione ufficiale con fissata la data della beatificazione.

Maria Crocifissa sarà beatificata con altri cinque servi di Dio. Uno è una donna laica.

Il sito web di Madre Crocifissa: www.madrecrocifissa.org


Sessioni plenarie del Consiglio Generale, 6-18 dicembre 2004


Il Priore Generale , Joseph Chalmers e il Superiore Generale OCD, Luis Aróstegui
discutono nel corso della riunione congiunta dei Consigli Generali OCARM-OCD del mese di dicembre. Queste riunioni avvengono due volte all’anno per elaborare progetti comuni. Tra gli argomenti della riunione di dicembre: la Commissione dell’America Latina, l’Enciclopedia Carmelitana, la celebrazione dell’800° anniversario della Regola nel 2007 e la Commissione congiunta per la Formazione (foto CITOC).
 

Il Consiglio Generale dell’Ordine si è incontrato formalmente dal 6 al 18 dicembre 2004. I primi quattro giorni di dicembre ci sono stati per la seconda volta i "focus days" annuali fuori della Curia dove il Consiglio risiede per trattare problemi particolari precedentemente evidenziati. Quest’anno i "focus days" si sono stati tenuti alla Domus Carmelitana a Roma.

Fra gli argomenti trattati: il Congresso dei Religiosi recentemente concluso, in che direzione incrementare il procedere delle cause di beatificazione dei Carmelitani, la vita eremitica all’interno dell’Ordine e il Laicato Carmelitano. Nel programma di ogni giorno, la preghiera comunitaria e personale, e un po’ di riposo. In uno dei quattro giorni si è svolta anche una riunione della "Task Force" della Domus cui ha fatto seguito la condivisione della mensa. L’ultima sera tutta la Curia si è riunita per riflettere insieme sul tema del Congresso dei Religiosi.

Come di prassi, ogni membro del Consiglio ha portato una relazione scritta sugli incontri o questioni della sua area di responsabilità. In più si sono discusse le questione emerse. È stato programmata una serie di incontri per i prossimi mesi. Primo fra tutti il programma per la Congregazione Generale prevista per settembre 2005 a San Paolo, Brasile.

Durante questa sessione plenaria il Consiglio Generale ha incontrato vari gruppi, tra cui il "Daily Board" della Provincia Olandese e la Responsabile Generale con il suo Consiglio della Famiglia Donum Dei. Entrambi gli incontri hanno dato la possibilità di uno scambio e sono stata l’occasione per indagare le reciproche preoccupazioni.

Le sessioni sono state dedicate alla discussione sulla Delegazione Francese con Klaus Schenkelberger, Delegato Generale, con Mario Alfarano, Priore Provinciale della Provincia Napoletana e due dei suoi Consiglieri, con Manuel Bonilla, Priore Provinciale della Catalogna e Alfredo Di Cerbo, Commissario Generale di La Bruna.

Come ormai la tradizione vuole alle sessioni del Consiglio di Dicembre, il Consiglio O.CARM si è spostato alla Curia Generale OCD per una mattinata di incontri, cui ha fatto seguito un pranzo festoso con l’intera comunità.

 

Gustavo Gutiérrez tiene un ritiro per la Congregazione Generale

Il noto teologo latino-americano, Gustavo A. Gutiérrez terrà il ritiro per i partecipanti durante la Congregazione Generale 2005 che avrà lugo dal 5 al 15 settembre nel Centro Pastorale di Pastoral, Santa Fé in Sao Paulo, Brasile.

Il Priore Generale, Joseph Chalmers, ha convocato l’incontro in una lettera all’Ordine il 1° ottobre 2004. Le Costituzioni prevedono questo incontro due anni prima del Capitolo Generale "per discutere sugli argomenti di interesse comune di tutto l’Ordine intero".

Il Consiglio Generale ha scelto come tema: "Servire la Chiesa e il mondo in un’epoca di cambiamento: Che cosa l’Ordine deve fare oggi per essere in grado di trasmettere il carisma domani"

Partecipano all’incontro il Priore Generale e suo Consiglio, i Priori Provinciali e Commissari Generali, i Commissari delle Province che hanno almeno venti membri con diritto di voto e i Superiori delle Delegazioni Generali con almeno venti membri aventi diritto al voto.

Si terranno un certo numero di relazioni durante le otto giornate di lavoro. Si svolgeranno inoltre incontri delle diverse regioni e si faranno proposte sul Capitolo Generale 2007.

L’incontro si terrà in Brasile in onore dei cento anni di restauro della Provincia di Rio e in presenza dei Carmelitani in America Latina.

Per ulteriori informazioni, consultare il sito web della Congregazione Generale 2005: carmelitani.info/congregazione generale 2005


 

 


Nuovi sviluppi al Carmelo di Putri

L’8 dicembre 2004 è stato celebrato il XXV Anniversario del Carmelo di Pertapaan (Eremo Carmelitano) Ngadireso, Malang. La cerimonia ufficiale si è svolta l’11 Dicembre per facilitare la presenza di più gente alla celebrazione.

Il Vescovo di Malang, Herman Joseph Pandoyo, ha presieduto l’Eucaristia. Era assistito dal Vescovo Carmelitano Hadisumarta, Vescovo emerito di Malang e Sorong. Erano inoltre presenti il Vescovo di Bogor e Sumba e molti sacerdoti, incluso il Carmelitano Cyprian Verbeek.

Nell’omelia il Vescovo ha elogiato le Sorelle del Carmelo di Putri per la fedeltà alla loro vocazione e le ha confermate nella loro vocazione speciale.

"La storia del Carmelo di Pertapaan è una storia del grande amore misericordioso di Dio manifestato attraverso la vita e il lavoro delle sorelle", ha detto Johannes Indrakusama, O. Carm., fondatore del gruppo. "Tante le lacrime e sofferenze lungo la strada, ma il sentimento dominante è di gratitudine e di stupore per i disegni e le vie imperscrutabili di Dio. Le sorelle sono un centro per molte persone che, in un modo o nell’altro, hanno fatto esperienza dell’amore di Dio che salva e guarisce".

Il 9 dicembre è stato ricostruito l’antico eremo a Ngroto, Pujon, Batu, Malang, completamente distrutto. Fedele riproduzione del primo eremo, è considerato memoria storica, specialmente dalle sorelle del Carmelo di Putri e dagli uomini della Congregazione di Sant’Elia. È una testimonianza della dimensione contemplativa della vocazione carmelitana anche per i Carmelitani in Indonesia. Alcuni giovani studenti hanno già mostrato interesse per utilizzare l’eremo.

Il 20 dicembre Fr Indrasukama ha ricevuto un dono di Natale anticipato: un nuovo eremo e una piccola cappella per il suo uso personale.


Il fuoco ha danneggiato pesantemente il Santuario di Faversham

Il Santuario di san Giuda della Provincia Britannica nel Faversham, Kent, è stato pesantemente danneggiato dal fuoco divampato nella mattina di domenica 31 Ottobre 2004.

Secondo Francis Kemsley, O. Carm., pastore della Chiesa e del Santuario, la causa dell’incendio va attribuita allo sprigionarsi del calore dalle candele accese durante la novena dai pellegrini. Un grande numero di candele infatti erano state accese per la festa di s. Giuda tenutasi il 28 ottobre.

Sono stati distrutti: una vetrata della B. Vergine del Monte Carmelo di Richard Joseph King e i dipinti di Michael Leigh raffiguranti: san Pietro, san Paolo, san Giovanni della Croce e santa Teresa di Gesù.

Il fuoco è stato circoscritto all’interno del Santuario interno, il fumo ha danneggiato il Santuario all’esterno e la Chiesa. La statua di san Giuda in ceramica di Adam Kossowski ha bisogno di restauro. Le lampade d’argento all’interno del Santuario si sono salvate ma hanno riportato dei danni a causa del fumo.

Ricorre quest’anno il Giubileo d’Oro della dedicazione del Santuario. Il Vescovo John Hine è stato presente il giorno della festa nel 2004 per dare inizio all’anno di celebrazioni. L’anno giubilare si concluderà con la celebrazione dell’Arcivescovo Kevin Mcdonald che si terrà nel Santuario il 28 ottobre 2005, anniversario della dedicazione.

Pre and post fire pictures of the St. Jude Sanctuary in Faversham, England


 

TORNARA AL INDICE DEL CITOC  |  TORNARA AL INDICE DEL QUESTO NUMERO DI CITOC


INDICE DEI SITI WEB DEI CARMELITANI
carmelites.info  |  carmelitas.info  |  carmelitani.info