n. 1   gennaio - marzo 2004
.


BOLLETTINO ISIDORE BAKANJA

FILIPPINE

I Laici Carmelitani delle Filippine hanno sperimentato diversi cambiamenti nella loro appartenenza all’Ordine fin dall’inizio delle riforme nel campo formativo. Alcuni membri hanno deciso di lasciare il Terz’Ordine perché hanno compreso di non avere la vocazione a essere terziari. Cercavano l’aspetto più devozionale dello Scapolare. In alcune parrocchie le confraternite dello Scapolare si sono organizzate come parte del Terz’Ordine. Tempi di incontro alternativi potrebbero essere offerti per coloro che desiderano indossare lo Scapolare ma non hanno la vocazione per sostenere la formazione in qualità di terziari carmelitani.

PROVINCIA BRITANNICA – INGHILTERRA, SCOZIA, GALLES

Condoglianze e preghiere per Sine Cameron-Mowat, Segretario Nazionale dei Laici Carmelitani Britannici. Il fratello di Sine, Colum, è deceduto il 30 Novembre 2003. Sine è il co-editore con Brendan Grady O. Carm., di Assumpta, la rivista dei Laici Carmelitani Britannici. Molti laici Carmelitani hanno incontrato Sine negli Incontri internazionali per i Laici.

INDONESIA

Mateus Gregorius Rudolf Suhud è tornato alla casa del Padre il 16 Dicembre a Tenggarong, Borneo, a causa di un incidente. Rudolf era Laico Carmelitano professo e fu il primo candidato della diocesi. Aveva fatto la sua Professione come Laico Carmelitano a Malang il 5 Maggio 1993.

AUSTRALIA

I membri del Consiglio Nazionale dei Laici Carmelitani si sono incontrati a "Karith," Casa Carmelitana di Ritiri a Warburton dal 9 al 12 Gennaio 2004. Durante l’incontro del weekend hanno lavorato alla revisione delle Costituzioni Australiane alla luce della nuova Regola del Terz’Ordine. Una copia della nuova Regola è stata presentata al Priore Provinciale Wayne Stanhope durante la Celebrazione dell’Eucaristia. Al tramonto, la preghiera vespertina è stata innalzata sulla vetta nelle vicinanze del Monte Donna Buang.

Timor Est è ora parte della Provincia Australiana e i Laici Carmelitani in Australia sono stati chiamati a sostenere la formazione dei candidati. Ci sono tredici Aspiranti, nove Postulanti e sette Professi Carmelitani, sei dei quali sono ordinati. Le comunità di Laici Carmelitani in Australia sono state invitate a sostenere un Postulante, specialmente con lo scambio di lettere e foto, instaurando così delle relazioni personali. Sono circa cento i Laici Carmelitani a Timor Est che si incontrano regolarmente in una loro casa adibita a quest’uso.

PAESI BASSI

I membri del Movimento Carmelitano stanno attualmente lavorando a un programma preliminare per dare inizio a un certo tipo di formazione per coloro che desiderano diventare Laici Carmelitani.

KENYA

Il Direttore dei Laici Carmelitani, Fr. Felix Pallipatt, O. Carm., è stato occupato nella costruzione della casa di formazione per sacerdoti. La cisterna per l’acqua è stata completata, necessaria per la scarsità di acqua nella zona. I residenti fanno affidamento su cisterne per l’approvvigionamento di acqua.

Il prossimo incontro per Formatori si terrà in Kenya. Questa grande novità darà ai membri l’opportunità di incontrare l’assai vasta famiglia carmelitana e di imparare dalla loro ricca esperienza.

I Laici Carmelitani in Kenya hanno ora un Consiglio in loco, che ha avuto il primo incontro il 16 Novembre. I membri sono rappresentati di ciascuno dei cinque gruppi di Laici Carmelitani esistenti in Kenya. Ciò è visto come un passo positivo e si spera che con esso avvenga un certo progresso concreto nella gestione dell’economia dell’Ordine in Kenya. In questo primo incontro si è vista la lentezza nell’economia e si è deciso che ogni consigliere incoraggiasse i membri della loro zona a sostenere l’Ordine dal punto di vista finanziario. Per iniziare, un contributo annuo di Kshs 200 da parte di ogni Laico Carmelitano è stato messo nel fondo comune per gli affari dell’Ordine.

FAMIGLIA MISSIONARIA "DONUM DEI"

La Famiglia Missionaria Donum Dei avrebbe piacere di dedicare queste poche parole, scritte da Renée Prieur, membro della Donum Dei, a Fr Redemtpus Valabek O. Carm.,che ha sostenuto lo sviluppo della Donum Dei per diciannove anni dopo la morte del Fondatore, Fr Marcel Roussel, il 22 Febbraio 1984.

L’allora Priore Generale, Fr. John Malley, nominò Fr. Redemptus Delegato Generale per i Laici Carmelitani. Renée Prieur, Renée Reboud e Thérèse Hyernard chiesero alla Curia di poter essere affiliate al Carmelo. Furono mandate da Fr. Redemptus.

Il primo incontro con Fr. Redemptus ebbe luogo al CISA il 17 Gennaio 1984. Renée Prieur ricorda che Fr. Redemptus le accolse con il suo grande sorriso. "Subito ci sentimmo a casa. Come ci consigliò il nostro Fondatore, gli chiedemmo se una Famiglia come la nostra, che intendeva vivere lo spirito del Carmelo nel mondo, potesse essere affiliata in qualche modo all’Ordine Carmelitano"

Fr. Redemptus rispose che naturalmente doveva parlare con i suoi Superiori, ma gli sembrava una cosa possibile. Forse la Donum Dei avrebbe potuto far parte del Terz’Ordine Carmelitano. Ci diede la Regola del Terz’Ordine che il nostro Fondatore, Fr. Roussel, studiò attentamente, apprezzando molto l’orientamento spirituale della Regola che trovò profondamente in conformità alle sue intuizioni spirituali. Più la leggeva più diventava chiaro che la Donum Dei sarebbe stata intergrata nel Laicato Carmelitano. Dall’inizio della fondazione era solito chiamare i suoi membri: Carmelitane nel mondo.

Per una settimana Fr. Roussel pregò, rifletté, lesse i documenti Carmelitani. Poi concluse: "Io voglio il Terz’Ordine perché voglio un legame giuridico; la Donum Dei sarà più stabile". Aggiunse: "Morirò in pace se la Famiglia sarà diretta dal Carmelo. I Carmelitani non vi insegneranno un’altra via… la via dell’umiltà e dell’obbedienza".

Continua a parlare Renée Prieur: "Giovedì 21 Gennaio abbiamo avuto un secondo incontro con Fr. Redemptus durante il quale egli ci diede maggiori informazioni dopo aver parlato con altri Carmelitani. Fr. Roussel si rallegrava sempre di più nel vedere che il Carmelo poteva essere una culla per noi, luogo dove avremmo trovato la genuina spiritualità Carmelitana sull’esempio di Maria e di tutti i santi carmelitani.

Fr. Redemptus espresse il desiderio di incontrare Fr. Roussel che a sua volta aveva desiderio di incontrare lui. Sfortunatamente la sera del 21, dopo la preghiera, egli disse: "Nostra Signora del Monte Carmelo, prendici nella tua Famiglia" e andò a letto. Morì inaspettatamente durante quella notte: era il 22 Febbraio". Nell’apprendere la notizia, Fr. Redemptus si rammaricò di non aver potuto incontrare prima Fr. Roussel. Fu comunque presente al suo funerale nella Chiesa di S. Eustachio a Roma venerdì 24 Febbraio 1984 e riuscì a conoscere una cinquantina di membri della Donum Dei, presenti alle esequie del loro Fondatore.

Da quel momento in poi Fr. John Malley e Fr. Redemptus si impegnarono molto per aiutare la Donum Dei a realizzare le ultime volontà del Fondatore. Nonostante i diversi ostacoli, Fr. John Malley il 22 Febbraio 1987 emanò il decreto di riconoscimento della Famiglia Missionaria Donum Dei come membro del Terz’Ordine Carmelitano.

Negli anni seguenti Fr. Redemptus aiutò la nostra Famiglia a integrarsi nell’Ordine Carmelitano, a scoprire profondamente la spiritualità Carmelitana e ad adempierla nella nostra missione nel mondo. Gli siamo molto grate perché riuscì a cogliere in profondità il senso della nostra particolare spiritualità, lo spirito di Fr. Roussel e il nostro speciale carisma. Ci ha aiutato a viverlo fuori come membri della bellissima Famiglia Carmelitana.

Tutti i membri della Donum Dei hanno tanto ricevuto da lui e desiderano ringraziarlo particolarmente. Vogliamo essere fedeli a lui che è stato così fedele a noi. È parte della nostra Famiglia in Paradiso, veglia su di noi e attraverso di lui noi possiamo presentare le nostre intenzioni alla Vergine Maria".


 

TORNARA AL INDICE DEL CITOC  |  TORNARA AL INDICE DEL QUESTO NUMERO DI CITOC


INDICE DEI SITI WEB DEI CARMELITANI
carmelites.info  |  carmelitas.info  |  carmelitani.info