n. 2   aprile - giugno 2007
.



Aggiornamento del Postulatore Generale

Madre Candelaria

Un sinodo ordinario dei Cardinali, tenutosi il 6 marzo 2007, ha votato sul presunto miracolo attribuito all’intercessione della venerabile Serva di Dio Candelaria de San José, fondatrice della Congregazione delle Hermanas Carmelitas de Madre Candelaria. L’esito è stato unanime. Siamo ora in attesa che papa Benedetto firmi il decreto e stabilisca la data della beatificazione.

Ci congratuliamo con le suore della Congregazione e auspichiamo che possano presto venerare la loro fondatrice chiamandola Beata Candelaria de San Josè. Tutto il Carmelo si unisce a voi nel giorno in cui verrà riconosciuta l’insigne virtù di un’altra carmelitana.


Martiri di Catalogna

I martiri carmelitani della Provincia di Catalogna, presentati nel primo gruppo, comprendono la figura di Angel Maria Prat i Hostench e dei suoi 15 compagni, nonché una monaca della comunità claustrale di Vic.

Il martirio di Prat e compagni è stato riconosciuto con decreto promulgato il 26 giugno 2006 da papa Benedetto XVI. Il gruppo rientra fra quello di 499 martiri della persecuzione religiosa spagnola del 1935-1939. Attendiamo ora la pubblicazione della data di beatificazione.


Angelo Paoli

Dopo un presunto miracolo avvenuto nel 1927, il processo di Angelo Paoli ha avuto inizio nel 1932. Purtroppo la causa è rimasta ferma nonostante l’accertamento del miracolo da parte di alcuni medici specialisti. È considerato miracolo una guarigione spontanea e duratura; nel nostro caso, gli esperti sono giunti alla conclusione che non vi è spiegazione scientifica.

Al momento, la causa è nelle mani del "revisore" della Congregazione per essere poi presentata alla commissione medica. Speriamo di ricevere presto buone notizie in proposito.


Nuno Alvarez Pereira

L’altra causa prossima alla canonizzazione è quella del beato Nuno Alvarez Pereira, religioso carmelitano e grande difensore del Portogallo. Al momento, si sta lavorando sulla Positio relativa alle sue virtù.

Nel 1918 se ne è permesso il culto giacché già da tempo i fedeli lo veneravano attribuendo al beato il titolo di Santo.

In Portogallo e anche in altre regioni del mondo gode fama di grande santità; si ha notizia di un miracolo che deve essere ulteriormente esaminato.


Martiri della Provincia Baetica

Un altro caso che non dovrebbe incontrare particolari difficoltà è quello dei martiri della Provincia Baetica. La loro Positio è la prima della lista rimessa ai teologi che la esamineranno nell’ambito del secondo gruppo delle cause dei martiri spagnoli durante la persecuzione religiosa del 1935-1939. I carmelitani sono raggruppati sotto il nome di fr. Carmelo Moyano Linares.


Liberata Ferrarons Vives

La Positio della Serva di Dio Liberata Ferrarons Vives, Terziaria Carmelitana di Olot, è recentemente giunta alla Commissione Teologica per lo studio delle virtù. In questo caso particolare, va tenuto presente che un voto favorevole dei teologi sull’eroicità delle virtù non avrebbe alcun valore senza la presentazione di un presunto miracolo.

Il 20 aprile 2007 è uscita una nuova biografia di Liberata Ferrarons.


Elisea Oliver Molina

La causa della fondatrice delle Hermanas de la Virgen Maria del Monte Carmelo, la Serva di Dio Elisea Oliver Molina, è in attesa di un presunto miracolo. La Positivo è stata consegnata alla Congregazione nel luglio 2001.


Come Postulatore Generale, desidero ricordare a tutti i devoti dei numerosi carmelitani che attendono di essere elevati agli onori dell’altare di presentare le proprie necessità al Signore tramite l’intercessione di questi fratelli nel Carmelo. In caso di grazia ricevuta, informarne sollecitamente l’ufficio del Postulatore Generale.

Felip Mª Amenós, O. Carm.
Postulatore Generale
postulazione@pcn.net


Prime professioni maschili nella Famiglia Missionaria Donum Dei a Lisieux

Domenica 5 aprile 2007, i primi ragazzi della famiglia missionaria Donum Dei, Teofilo Paredes Moreno (Perù) e Marie-Debrice Dongno Tiomela (Camerun) hanno emesso la professione temporanea nel Terz’Ordine. Lo stesso giorno, Theobald Nyabyenda e Landouard Ntibayitegaka (entrambi del Ruanda) hanno ricevuto lo scapolare all’inizio del loro percorso formativo.

Le Lavoratrici Missionarie sono affiliate all’Ordine dal 22 febbraio 1987.

La cerimonia si è svolta nella cattedrale di S. Pietro a Lisieux, Francia, dove già s. Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo si recava con suo padre per partecipare alla messa. Ha celebrato il vescovo Pierre Pican, ordinario della diocesi di Lisieux, assistito da un vescovo ausiliario e da p. Rafael Leiva Sánchez, O.Carm., Consigliere Generale per la Regione Mediterranea, che ha ricevuto le professioni in nome del Priore Generale. Presenti molti sacerdoti diocesani, compreso Bernard Lagoutte, Rettore della basilica di s. Teresa di Lisieux, e Terrene Cyr, membro della Delegazione Generale dell’Ordine in Francia. Questi ha anche tenuto l’omelia.

Fra i numerosi religiosi e fedeli presenti, la responsabile generale della famiglia missionaria Donum Dei, Clementine Parré. I canti sono stati eseguiti dalle sorelle Donum Dei. Queste si trovano a Lisieux fin dal 1995 e gestiscono due centri di accoglienza per pellegrini: il Foyer Louis et Zélie Martin e l’Ermitage Sainte Thérèse.


La Commissione Internazionale della Cultura si riunisce in Africa per trattare delle necessità della Regione

I carmelitani di Nairobi hanno ospitato l’incontro della Commissione internazionale della Cultura svoltosi nel gennaio 2007. Come ormai di consueto, il Consiglio Amministrativo dell’Institutum Carmelitanum si è incontrato nella medesima occasione a motivo della duplice appartenenza dei due gruppi. Gli incontri si sono tenuti dal 3 al 5 gennaio.

La Commissione internazionale della Cultura ha rivisto il lavoro del suo Piano sessennale e ha considerato le proposte per il Capitolo Generale del 2007. Il Piano, formulato nel 2002, si proponeva quattro obiettivi: (1) sviluppare una strategia per promuovere gli studi superiori nell’Ordine, (2) nominare una commissione ad hoc per studiare (a) le proposte dell’Institutum Carmelitanum, (b) il ruolo di un delegato generale per la Cultura e (c) la proposta, approvata dal Capitolo Generale, presentata dall’Istituto Titus Brandsma; (3) coinvolgere i membri dell’Ordine nello sviluppo di nuovi centri di spiritualità carmelitana nelle varie regioni del mondo; e (4) continuare il lavoro di coordinare le diverse biblioteche carmelitane del mondo.

Durante l’incontro si è discusso su quanto si è concretizzato e quanto resta ancora da fare circa ciascun obiettivo. In generale, si è trovato ancora troppo esiguo il numero di membri che proseguono lo studio a livello avanzato. Nonostante il programma volto a promuovere gli studi superiori, l’obiettivo resta ancora lontano. È stata rivolta al Capitolo Generale del 2007 una specifica raccomandazione per il delegato generale per la Cultura. La Commissione Cultura ribadisce il suo impegno circa i progetti SPINE e SPIRIN dell’Istituto Titus Brandsma nei Paesi Bassi. L’Institutum Carmelitanum ha espresso il proprio desiderio di coinvolgimento come già hanno fatto un paio di altri Istituti. Si è affermato che la Commissione ha fatto tutto il possibile per favorire lo sviluppo futuro dei progetti SPINE e SPIRIN.

Un’indagine iniziale degli Istituti Carmelitani mostra che avevamo una certa forma di enti simili riconosciuti in Brasile, Francia, Germania, Indonesia, Italia, Paesi Bassi, Nord America e Filippine. Negli ultimi sei anni è stato riconosciuto con successo un Istituto in Gran Bretagna/Irlanda (in cooperazione con i carmelitani scalzi). La Penisola Iberica ha cominciato a realizzare un Istituto specialmente dedito alle pubblicazioni quali Fonte. L’Istituto delle Filippine è stato oggetto di particolare promozione così come un Istituto dell’Asia. Sono inoltre pervenute notizie circa l’avvio di un Istituto carmelitano a Malta e a Rio de Janeiro.

Una delle ragioni per cui l’incontro della Commissione Cultura e quello del Consiglio Amministrativo dell’Institutum Carmelitanum si sono tenuti in Africa è stata la possibilità di stabilire un dialogo fra i membri e i carmelitani del luogo circa la realizzazione di un Istituto, di una biblioteca e l’individuazione di altre risorse capaci di assicurare un solido programma formativo. In seguito a un confronto con i responsabili delle missioni africane, è stata approvata la presentazione di una proposta al Capitolo Generale per l’avvio di un tale Istituto.

Si è infine discusso sul coordinamento delle varie biblioteche carmelitane presenti nel mondo. I bibliotecari carmelitani si sono incontrati regolarmente e si è costituita una associazione di volontari, la Associazione Bibliotecaria Carmelitana (CLA), per agevolare la cooperazione fra le varie biblioteche: inserimento delle catalogazioni in internet, promozione/istituzione di biblioteche in aree in via di sviluppo, digitalizzazione di libri rari.

Fin dal Capitolo Generale del 2001, la Provincia irlandese ha aperto una biblioteca carmelitana a Gort Muire e la Provincia di Rio de Janeiro ha avviato un piano di rinnovamento della propria biblioteca carmelitana.

La Commissione ha inviato due proposte alla Commissione preparatoria del Capitolo Generale. La prima ripensa la Commissione Internazionale per la Cultura perché accolga anche la Commissione Internazionale per lo Studio del Carisma e la Spiritualità dell’Ordine. Chiede inoltre che il ruolo del delegato per la Cultura sia definito più chiaramente. La seconda proposta riguarda la creazione di un comitato che si adoperi a raccogliere fondi per progetti dell’Ordine in sei aree specifiche.

Il sito web della Commissione Internazionale per la Cultura è: carmelitani.info/cultura

 
Stipulato un contratto di cooperazione fra l’Istituto di Spiritualità di Münster e la Pontificia Università Antonianum di Roma

   Il 20 febbraio 2007, nell’Aula S. Antonio della Pontificia Università Antonianum di Roma è stato firmato un accordo di cooperazione fra l’Istituto di Spiritualità di Münster e lo stesso Antonianum. Il contratto prevede uno scambio di docenti e studenti nonché la realizzazione di progetti comuni. Ai laureati dell’Università di Münster è offerta la possibilità di conseguire gradi presso l’Antonianum in base al lavoro svolto a Münster.
   Durante la celebrazione, i rettori dei rispettivi istituti sono brevemente intervenuti in italiano.
   Il dr. Paolo Martinelli, OFM. Capp., direttore dell’Istituto di Spiritualità di Roma, ha offerto una relazione su: "La Teologia della Spiritualità: Le fonti spirituali dell’Europa e dell’incontro fra popoli e cultura". Il dr. Michael Plattig, O.Carm., direttore dell’Istituto di Spiritualità di Münster ha a sua volta relazionato su: "Il significato della spiritualità per la società europea occidentale di oggi secondo la distinzione degli spiriti".
   Il presidente dell’Institutum Carmelitanum di Roma, Patrick McMahon, O.Carm. ha partecipato all’evento in rappresentanza del Priore Generale.
   Michael Plattig sarà nominato professore straordinario di teologia spirituale all’Antonianum.
   Quale primo frutto di questa cooperazione, nell’anno 2007-2008 fr. Plattig terrà all’Antonianum un corso intitolato: "L’esperienza della ‘Notte Oscura’ come esperienza di ‘Depressione creativa’". Lo stesso argomento sarà oggetto di un suo seminario alla Pontificia Università Gregoriana di Roma.
 


Commissione Comunicazioni: meeting e lavoro in rete

L’incontro finale della Commissione Internazionale delle Comunicazioni si è svolto dal 2 all’8 febbraio presso l’Istituto di Spiritualità in Asia. Oltre al meeting, c’è stata la possibilità di lavorare in rete con vari programmi di comunicazione nell’ambito dell’Ordine e della Chiesa filippina.

L’incontro della Commissione ha trattato anzitutto la verifica del programma di comunicazione stilato per l’Ordine nel 2002 e nuovamente alla fine del 2006. Considerando le informazioni ricevute dalle province dell’Ordine e dai monasteri di clausura, si rileva un certo progresso negli ultimi sei anni. Si sono inoltre identificate quelle aree da promuovere ulteriormente. Per agevolare l’Ordine in proposito sono state avanzate delle proposte specifiche per rafforzare i programmi; saranno sottoposte alla Commissione Preparatoria per il Capitolo Generale del 2007.

Si è notato che in gran parte dell’Ordine l’uso di internet è aumentato rispetto al 2006. Si sono moltiplicate le pagine web su temi carmelitani. È ancora necessario un sistema di tutela e dei programmi che aggiornino regolarmente i siti web. Inoltre, gran parte dei siti non arriva ancora a servirsi di tutte le capacità interattive di internet.

Il settore in cui la maggioranza dei carmelitani continua a sentirsi a proprio agio è quello delle pubblicazioni editoriali. Altre forme quali CD, film, materiale audiovisivo, ecc. restano alquanto sporadiche nell’Ordine. C’è l’urgenza continua di una valutazione costante dei nostri programmi a fronte delle esigenze e desideri di quanti cerchiamo di servire, specialmente giovani. Vanno ulteriormente incoraggiate quelle iniziative dell’Ordine volte a creare musica, film e arte.

In generale i carmelitani non interagiscono con i media o con le risorse comunicative disponibili sul posto. Comunque, si rileva un aumento di contatti in rete fra i membri dell’Ordine, delle province e dei monasteri.

I carmelitani hanno offerto una presentazione sul Centro Tito Brandsma – Media Program che è l’unico programma del genere nelle Filippine, ragione per cui è divenuto un valido e ricorrente sussidio nell’apostolato carmelitano di quel paese.

Una visita al CFA (Communication Forum for Asia) ha consentito ai membri di constatare quanto sta avvenendo nella radio e nella televisione delle Filippine. Il CFA si interessa di questioni ecclesiali attuali quali lo sviluppo delle famiglie, il dialogo fra cristiani e musulmani, la formazione mediatica per il clero e gli operatori pastorali.

L’apostolato dei religiosi Paolini ha offerto alla commissione l’opportunità di seguire da vicino il processo di stampa di un libro, dall’idea iniziale fino alla sua consegna al lettore.

Durante la visita a Radio Veritas Asia i nostri si sono intrattenuti in un pranzo di lavoro con il direttore del programma e hanno preso visione degli studi, delle biblioteche e del museo.

A motivo del suo impegno nelle comunicazioni, fr. Arnuld Alindayu, O. Carm., del Commissariato filippino, si è unito alla commissione per partecipare alle visite di questi centri. Anche lui era fra coloro che hanno presentato il Centro Tito Brandsma – Media Program.

Ulteriori dettagli sull’incontro sono disponibili sul sito web della Commissione Internazionale delle Comunicazioni: carmelitani.info/comunicazioni


Membri della Commissione Internazionale delle Comunicazioni, in posa presso il logo di Radio Veritas Asia insieme con alcuni impiegati della stessa. L’incontro è rientrato fra il programma di lavoro della Commissione. Al termine del meeting è stata consegnata ai carmelitani una riproduzione del logo di Radio Veritas.


Comincia la programmazione per il Centenario delle carmelitane del Corpus Christi

L’inaugurazione del 100° anniversario di fondazione delle carmelitane del Corpus Christi di Leicester, Inghilterra, si svolgerà a Trinidad, nelle Indie occidentali, il 16 luglio 2007. L’anniversario sarà aperto da una solenne celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Edward Gilbert, Arcivescovo di Port-of-Spain, e concelebrata dal nunzio apostolico l’Arcivescovo Thomas Gullickson.

Si prevede una numerosa partecipazione di clero, laici carmelitani, amici della Congregazione sia di Trinidad che delle altre regioni in cui le suore sono presenti.

Simili iniziative inaugurali avranno luogo anche laddove la Congregazione opera in Inghilterra e in America.

Per l’occasione, sr Alfonsa Morris, O.Carm., ha composto un canto sulla vita della fondatrice della Congregazione, Madre Mary Ellerker.

Fra le altre celebrazioni previste per il corso dell’anno: l’VIII centenario della Formula Vitae ricevuta da s. Alberto di Gerusalemme; una rappresentazione teatrale intitolata "A Dio sia la gloria", scritta da sr Rosa Maddalena e che narra la storia della fondatrice della Congregazione; nella ricorrenza di s. Simone Stock una Messa all’aperto in cui sarà celebrata anche la vestizione dello scapolare e la professione di alcuni laici carmelitani.

L’anno si chiuderà il 16 luglio 2008, con la celebrazione "Deo Gratias" all’VIII Capitolo Generale della Congregazione, quando verrà eletta la nuova Superiora e il Consiglio Generale.

Il sito web delle carmelitane del Corpus Christi è: corpuschristicarmelites.org


Nomine di carmelitani

Mark Attard, membro della Provincia maltese e residente al CISA di Roma, è stato nominato rettore del dipartimento di teologia morale alla Facoltà di Teologia della Pontificia Università Gregoriana (Roma) nel settembre 2006. Tra i suoi compiti vi è la programmazione e l’organizzazione dei corsi del prossimo biennio, l’attenzione ai piani di studio degli studenti oltre all’amministrazione ordinaria di un dipartimento accademico. L’incarico si estende per tre anni. Fr. Mark è stato priore del CISA e ha insegnato teologia morale in diverse scuole del territorio romano.

Robert Colaresi, membro della Provincia del Purissimo Cuore di Maria, è stato eletto presidente del Comitato dei Direttori della Conferenza nazionale dello sviluppo cattolico (NCDC). Fr. Robert ha diretto la Società del Piccolo Fiore negli USA e in Canada per 15 anni. Ha promosso lo sviluppo della Società del Piccolo Fiore del Regno Unito e Irlanda per finanziare vari servizi carmelitani in zone in via di sviluppo. La Società è membro attivo del NCDC fin dal 1982 e fr. Robert era già al suo quarto anno nel Comitato dei Direttori. La NCDC è la prima e più estesa associazione americana di raccolta fondi.

Lucio Zappatore, membro della Provincia italiana, è stato aggregato alla Confraternita del Carmine di Trastevere (Roma) i primi di febbraio. La cerimonia si è svolta nella chiesa di S. Agata a Trastevere, sede della confraternita. La confraternita si occupa della manutenzione della statua della Madonna del Carmine che, secondo la leggenda, è stata pescata dal fiume Tevere. Ogni anno la confraternita organizza la Festa de Noantri (di Noi altri, in dialetto romano), che è la maggior manifestazione di religiosità popolare di Roma.


TORNARA AL INDICE DEL CITOC  |  TORNARA AL INDICE DEL QUESTO NUMERO DI CITOC


INDICE DEI SITI WEB DEI CARMELITANI
carmelites.info  |  carmelitas.info  |  carmelitani.info